Lettera A

Il lessico della psicologia e della psicoterapia per conoscere disturbi, devianze e approcci terapeutici

Ricerca del termine per lettera

Aberrazione

deviazione di una norma di carattere fisico, organico e psichico.

Abreazione

reazione di esteriorizzazione mediante la quale un soggetto "si libera" di una rimozione affettiva più o meno antica, celata nel proprio inconscio. Sinonimo di catarsi.

Ablösung

interruzione del legame di carattere psichico tra due persone che vivono in una determinata situazione in maniera subordinata.

Abulia

assenza, mancanza oppure diminuzione di volontà.

Acatasia

impossibilità di restare seduti, bisogno imperioso e incessante di camminare, di diversa origine.

Acting-out

espressione dei propri vissuti emotivi conflittuali attraverso l’azione piuttosto che con il linguaggio.

Adattamento

stato in cui il soggetto instaura un rapporto di equilibrio e privo di conflitto con l’ ambiente sociale.

Afasia

alterazione del linguaggio dovuta a lesioni alle aree del cervello deputate alla sua elaborazione.

Affettività

insieme di emozioni e sentimenti che un individuo può esperire in diverse situazioni della vita.

Afonia

incapacità di produrre suoni del linguaggio che richiedono l'uso della laringe non causata da lesioni del sistema nervoso centrale.

Agitazione

stato di irrequietezza o di un'attività non focalizzata su alcun obiettivo.

Agitazione psicomotoria

eccessiva attività motoria associata ad una sensazione di tensione interiore.

Agorafobia

sensazione di paura o grave disagio che un soggetto prova quando si ritrova in ambienti non familiari, temendo di non riuscire a controllare la situazione che lo porta a desiderare una via di fuga immediata verso un luogo da lui reputato più sicuro.

Aggressione passiva

il soggetto affronta i conflitti emozionali o i fattori stressanti interni ed esterni esprimendo aggressività verso gli altri in modo indiretto o subdolo. Vi è una facciata di compiacenza manifesta che maschera resistenza, risentimento, od ostilità profonde.

Aggressività

stato emozionale costituito da sentimenti di odio e dal desiderio di danneggiare altre persone, animali o oggetti. L'aggressività è un comportamento destinato a danneggiare fisicamente o psicologicamente a qualcuno.

Alessitimia

significa letteralmente "non avere parole per le emozioni" e indica una difficoltà della persona nel percepire ed identificare i propri sentimenti e le proprie emozioni. L'individuo alessitimico non sa distingure i propri stati emotivi dalle proprie percezioni fisiologiche e non è quindi in grado di interpretare le proprie e altrui emozioni.

Annullamento

il soggetto affronta i conflitti emozionali o i fattori stressanti interni ed esterni tramite parole o comportamenti che hanno lo scopo di rendere non esistenti pensieri, sentimenti, o azioni inaccettabili, o di fare per essi simbolica ammenda.

Astinenza

sintomi caratteristici che appaiono quando una droga che provoca dipendenza fisica è usata per un lungo tempo, e si passa improvvisamente a un dosaggio discontinuo o nullo.

Attitude

predisposizione della persona di reagire in un certo modo ad uno stimolo dopo averlo valutato positivamente o negativamente.

Alcolismo

serie di disturbi fisici e psicologici causati dal consumo eccessivo e continuo di bevande alcoliche.

Alienazione

sentimento di estraneità (sentirsi "alieno") nei confronti di ciò che si fa e dell'ambiente in cui si vive. Sono spesso presenti anche sentimenti di impotenza e di ostilità verso ciò che sta attorno.

Alogia

indica una povertà di linguaggio o dell'eloquio. L'alogia è uno dei sintomi negativi che si possono osservare in pazienti affetti da schizofrenia ed è considerato un sintomo patognomonico della malattia, unitamente ad altri segni quali l'appiattimento dell'affettività, l’abulia, l’anedonia e l’avolizione.

Altruismo

atteggiamento umano in cui l'attenzione è rivolta principalmente sulla realizzazione del bene degli altri piuttosto che sulla soddisfazione delle proprie esigenze.

Allucinazione

è una falsa percezione in assenza di uno stimolo esterno reale.

Ambivalenza

conflitto che si verifica quando il soggetto è contemporaneamente attratto e respinto dal medesimo obbiettivo o desiderio.

Amnesia

parziale o completa perdita della memoria.Può essere dovuta a cause organiche, emotive o a una combinazione di entrambe.

Anedonia

incapacità generalizzata di provare piacere in attività in precedenza considerate piacevoli.

Angoscia

stato di alta eccitazione emotiva che contiene un senso di paura o apprensione. Clinicamente definita come una reazione di paura a un pericolo vago e sconosciuto.

Anoressia nervosa

disturbo caratterizzato dal rifiuto del paziente di mangiare, che porta ad una perdita di peso allarmante.

Ansia

è la risposta dell'organismo ad un'aspettativa di pericolo.

Ansia da prestazione

tipo di ansia che nasce dalla paura di non essere all'altezza di un compito o di una attività e di essere giudicati negativamente da altre persone.

Ansia da separazione

ansia eccessiva manifestata dal bambino quando si deve separare da qualcuno della famiglia a cui è profondamente legato.

Ansiogeni

fattori che generano ansia.

Ansiolitici

categoria di farmaci usati per attenuare e curare stati di ansia e di angoscia.

Apatia

stato in cui il soggetto è indifferente ed incapace di reagire alle situazioni.

Aprassia

perdita della capacità di eseguire movimenti volontari; i pazienti aprassici hanno difficoltà a produrre su richiesta delle risposte che riescono invece a produrre facilmente quando non ci pensano.

Apprendere

imparare concetti o processi comportamentali nuovi.

Apprendimento vicario

apprendimento che si verifica tramite l'osservazione e l'imitazione.

Archetipo

nella psicologia analitica Junghiana elemento facente parte dell'inconscio collettivo, frutto della sedimentazione delle esperienze ripetute dall'umanità nel corso dei millenni. L'archetipo è una immagine o un pensiero ereditato dagli avi e condiviso dall'intero genere umano.

Assertività

consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni senza tuttavia offendere né aggredire l'interlocutore.

Astenia

mancanza di energia, debolezza organica.

Astereognosia

difficoltà a riconoscere gli oggetti attraverso il tatto, non attribuibile a un semplice deficit sensoriale o ritardo mentale.

Astrazione selettiva

distorsione cognitiva che consiste nel concettualizzare una situazione sulla base di un dettaglio estrapolato dal contesto, ignorando altre informazioni in contrasto.

Atonia

è una diminuzione del tono (tensione) nervoso, con rilasciamento muscolare (spesso all’utero, allo stomaco, all’intestino). L’astenia e alcuni esaurimenti indeboliscono la capacità di contrazione dei muscoli, impedendo a volte al malato di reggersi in piedi.

Autoefficacia

convinzione della propria capacità di fare una certa cosa, di raggiungere un certo livello di prestazione.

Autoipnosi

stato d'ipnosi raggiunto autonomamente utilizzando una delle molteplici tecniche comunicazionali esistenti.

Autostima

valutazione che una persona dà di se stessa, la quale dipende da come essa si percepisce in rapporto agli altri.

Autosuggestione

processo, spesso inconsapevole, attraverso il quale il soggetto si convince di qualcosa.

Avarizia

l’avarizia è una perversione dell’istinto di conservazione. La tendenza al risparmio è più che naturale nell’uomo, se è indirizzata ad assicurare un futuro stabile. Ma nell’avaro ci troviamo di fronte a tutt’altra cosa. Il suo risparmiare oltrepassa lo scopo. L’avarizia corrisponde ad uno squilibrio psichico ed è spesso legata a dei complessi.