Feticismo dei piedi: perversione o fantasia decisamente comune?

Pubblicato il 15 dicembre, 2020  / Sesso e Amore
feticismo dei piedi
Le statistiche indicano che il 47% delle persone ha dei gusti feticisti

 

Feticismo: disturbo o semplice fantasia sessuale?

Il feticismo sessuale è una forma di parafilia, ma la maggior parte delle persone caratterizzate da questo tipo di perversioni non soddisfa i criteri clinici del DSM-5 per un disturbo parafiliaco.

Per parlare di vero e proprio disturbo è necessaria la presenza di un persistente e intenso interesse sessuale diverso da quello per la stimolazione genitale e i preliminari con il partner, che causa un disagio o una compromissione della vita del soggetto.
Tra le parafilie, oltre al feticismo, ce ne sono numerose altre, come ad esempio il sadismo, il masochismo e il voyeurismo.

È bene quindi fare una distinzione tra feticismo dei piedi e disturbo parafiliaco.
Stabilire cosa è normale e cosa non lo è non è semplice, ma di certo avere desideri sessuali stravaganti non significa avere una patologia. In molte coppie i giochi erotici legati a parti del corpo e a oggetti sono una fonte di divertimento per rendere più vivace il rapporto e in questi casi i feticismi “innocui” vanno assolutamente demistificati. Divertirsi a letto è sano e fa bene alla relazione.

La patologia, invece, è correlata a una pratica ripetitiva e monopolizzante dove può venir meno il concetto di consenso e dove si instaurano dinamiche disfunzionali.

L’identità del feticista è vincolata a un oggetto sessuale su cui sposta l’attenzione, nonché il feticcio, verso cui prova una forte passione e su cui ama fantasticare. Il feticcio spesso è una parte anatomica del corpo, come il piede, ma può essere anche un oggetto, come un indumento.

Talvolta il feticista dei piedi, oltre a eccitarsi con i piedi della donna, ama collezionare feticci di varia natura, come scarpe col tacco, calze e biancheria. Siamo in presenza di un disturbo solamente se le persone provano eccitazione e possono raggiungere l’orgasmo unicamente con il feticcio e faticano a soddisfarsi con rapporti tradizionali.
 

Perché i piedi piacciono soprattutto agli uomini? Motivazioni psicologiche e cause

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Impotence Research, la passione per i piedi è un fenomeno che coinvolge una gran fetta della popolazione: le statistiche indicano che il 47% delle persone ha dei gusti feticisti verso una parte del corpo e, di questi, ben il 26% riguarda i piedi. Un interessante dato sui trend di Google rivela che le chiavi di ricerca legate ai piedi sono molto cresciute negli ultimi anni.

Lo psichiatra tedesco Richard von Krafft-Ebing, che per la prima volta ha parlato del feticismo nel suo manuale, lo descrive come un “problema” maschile. Il feticismo sui piedi delle donne è di gran lunga più diffuso che quello sui piedi degli uomini.

Uno studio recente rivela che gli uomini preferiscono i piedi delle loro donne rispetto al lato B, alle gambe, al viso, alle mani e ai fianchi.

Il "feticcio" più comunemente preferito dalle donne sembrerebbe invece un oggetto (ad esempio gioielli e biancheria intima) più che una parte anatomica, e generalmente non si tratta di feticismo estremo patologico in quanto non è spostata su esso la totalità dell'attenzione sessuale e non viene sostituito l’atto sessuale tradizionale.

Secondo l’analisi condotta da Freud all’inizio dello scorso secolo, la ragione per cui il feticismo è così diffuso nei maschi eterosessuali, affonda le sue radici nell’infanzia, quando nel bambino maschio cresce una certa ansia da castrazione del pene derivante dalla presa di coscienza che le donne, come la mamma, non lo posseggono. Da qui deriva l’adorazione del feticcio, considerato un sostituto genitale facilmente accessibile che evita di vedere la donna nuda e al contempo di esporre il pene al pericolo.

Alcuni sessuologi ricordano invece che i piedi sono tra le prime parti del corpo con le quali da bambini entriamo in contatto. Ciò ne spiegherebbe in parte l’interesse innato.
 

Le pratiche per trarre piacere con i piedi

Vediamo ora i giochi di foot fetish e di adorazione dei piedi più comuni tra i feticisti:

  • In primis, il feet licking, il feet kissing e il feet massage, che consistono in giochi dove con la lingua, le labbra e le mani si leccano, baciano e massaggiano i piedi femminili.

  • Il toe sucking consiste nel succhiare le dita dei piedi.

  • Il feet sniffing consiste nell’annusare i piedi. Un fatto curioso è che molti uomini più che essere attirati da piedi ben curati ed eleganti, si eccitano particolarmente se i piedi sono odorosi.

  • Il footjob consiste nell’accarezzare e masturbare il pene con i piedi e può essere fatto anche passivamente, con la donna distesa e le ginocchia alzate, nella forma di retrofootjob.

  • Il feeding from feet consiste nel dare da mangiare al partner con le dita dei piedi.

  • C’è chi si eccita guardando la donna che pigia i pedali dell’automobile, cosa che prende il nome di pedal pumping.

  • Ci sono anche pratiche più intense come il trampling, cioè il calpestamento del corpo con i piedi o con i tacchi, e il ballbusting, una pratica più pericolosa caratterizzata dal dare calci sui testicoli.


Cosa fare se il feticismo diventa un problema?

Nella maggior parte dei casi, il feticismo non comporta rischi e non è indice di una malattia mentale, essendo per la coppia una fonte di piacere, intimità e gioco. Tuttavia, spesso il soggetto prova dei sentimenti contrastanti con la propria “deviazione” psicologica e desidera eliminare il proprio feticismo sottoponendosi ad un percorso di conoscenza personale attraverso la psicoterapia, il che può rivelarsi uno strumento interessante per analizzare il proprio passato, il presente, la propria personalità e le modalità relazionali.

Al contempo, nei soggetti che provano tali sentimenti contrastanti, un ausilio esterno potrebbe migliorare la relazione sentimentale e il rapporto intimo con il partner.

In caso di patologia è infatti possibile ridurre la dipendenza dal feticcio: il trattamento psicologico può aiutare a contenere gli stimoli eccitatori verso un oggetto e spostarli su altri, con tecniche come la sazietà masturbatoria o verbale e il ricondizionamento orgasmico.

Nella normale vita quotidiana e di coppia non c’è invece da avere timore a dire “mi piacciono i piedi”. Non è qualcosa di sbagliato e può semplicemente essere un'occasione per conoscersi meglio, ricevere un rilassante massaggio… o semplicemente farsi regalare un bellissimo paio di scarpe nuove.

 

Psicologi che trattano questo argomento