Silvia domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 02/05/2016

Periodo di disagio figlio di 7 anni

Buongiorno il mio primo figlio di 7 anni frequenta la prima elementare.Il primo quadrimestre è andato molto bene. Le maestre mi hanno detto che è molto intelligente è sempre attento e partecipe alle lezioni.
Da un paio di settimane è molto oppositivo nel momento dei compiti, risponde male. A scuola sta sempre attento e partecipe ma nel momento di agire quindi per es. verifica va in panico e ansia ha paura di sbagliare. Premetto che io gli sono stata molto addosso e dato ansia in quanto una settimana mi aveva portato dei quaderni scritti malissimo. E quindi gli avevo detto che non volevo vedere più parole fuori dal rigo.
Lui è sempre stato un bimbo molto sensibile. Le maestre ultimamente hanno anche notato che in cortile delle volte va per conto suo. Ed è classico del suo comportamento in quanto lui vuole stare al centro dell'attenzione e se gli altri non ascoltano lui, si arrabbia e se ne va.
Come posso aiutarlo a non avere più ansia?
Secondo voi potrebbe esserci qualche problema nascosto?
grazie mille per l'attenzione
Cordiali saluti.
silvia

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Adele Fortunato Inserita il 03/05/2016 - 13:23

Roma - Nomentana, San Lorenzo, Castro Pretorio
|

Cara Silvia, intanto credo che suo figlio vada rassicurato in ogni modo possibile in questa fase. Sta manifestando un disagio e l'unico modo per stargli vicino è abbassare le aspettative e l'ansia rivolte a lui e al suo rapporto con la scuola. Una madre ansiosa, con i suoi comportamenti, genera e alimenta a sua volta ansia attorno a sé. Suo figlio ha paura di sbagliare, va in ansia quando c'è una verifica, quindi, le sta comunicando che questa modalità di stare in relazione con lui produce effetti negativi. E' necessario de-focalizzare l'attenzione dalle prestazioni scolastiche e tentare di capire cosa sta succedendo nella vita di suo figlio ascoltandolo con attenzione e manifestandogli comprensione e amore incondizionato.
Se vuole, mi può contattare per un approfondimento, un caro saluto,
dott.ssa Fortunato