Marika domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 07/12/2015

Mi sento sempre spaesata e priva di capacità di concentrazione

Ora sto iniziando ad aver paura.. Non ho una comitiva di amici perché purtroppo nel mio paese tutti si parlano alle spalle, e quando mi è capitato di farne parte, me ne sono sempre uscita, perché non volevo frequentare gente "cattiva", quindi preferisco stare da sola o in compagnia di qualche amica. Sono fidanzata da un anno e con lui ci sono stati alti e bassi, ma ora abbiamo raggiunto un equilibrio.
Mi dà nervoso passare tanto tempo a casa, mi sta stretta, non riesco a studiare e mi innervosisce quando mamma mi fa delle domande, di qualunque genere.. Mi dà fastidio se mi guarda! In merito al mio ragazzo, non può sbagliare minimamente oppure può capitare che magari il telefono non prende e quindi non può rispondere, che divento una pazza, non riesco a controllarmi e spesso litighiamo perché appunto per ogni cosa piango sempre. È una situazione insopportabile perché con tutti poi mi capita di pensare male, ho sempre la sensazione che qualcuno stia parlando male di me! Vedo sempre del marcio ovunque...
Un altro problema è che ho difficoltà di concentrazione, mi sento ignorante e dimentico cose a breve termine... Parlo sempre con me stessa dii cazzate, non faccio pensieri ad alta voce, ma solo in mente, ma intanto li faccio, di continuo. Mi sento disorientata e non ce la sto facendo più, non so studiare ripeto, quando vado a lavoro in un pub dimentico le cose, magari dimentico ciò che chiedono i clienti oppure ciò che mi dice il mio datore e poi sembra che non abbia equilibrio vado a sbattere ovunque e sembra che non abbia forza per afferrare bene le cose.. La mattina quando mi sveglio mi sento disorientata ed anche magari quando vado a fare delle compere, non mi riesco mai a concentrare su una cosa, ne prendo una ma ne guardo altre 100 senza concludere nulla... Pratico sport, faccio calcetto, quando il mister spiega non lo seguo mai perché non riesco a concentrarmi, mi perdo subito, infatti poi le altre riescono ad applicare le tecniche di gioco ed io no... Mi sento tanto come alice nel paese delle meraviglie , disorientata, confusa, vivo in un mondo tutto mio, ma così non riesco a fare niente, nei rapporti sociali, nello sport, nello studio.. E mi sento sempre più stupida, ed ho paura anche della morte... Certe volte ho il pensiero che tutto questo possa essere portato da problemi di vista

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Inserita il 10/12/2015 - 00:30

Gentile Marika,
è difficile dirle qualcosa di preciso senza vederla di persona e farle delle domande. Ad esempio, quanti anni ha, se in passato ha mai avuto problemi a scuola, come ha vissuto da bambina, da quanto tempo accusa questo disagio e cosa è successo quando è cominciato, quante ore dorme, ecc...

In generale, l'ansia influisce moltissimo sulla concentrazione e, di conseguenza, sulla memoria a breve termine.
Quindi andrebbe valutato (magari con un test psicologico) il livello di ansia che ha in questo periodo.

Lei fa molte cose: studia, ha un fidanzato, gioca a calcetto, lavora in un pub... ha davvero molti impegni!
Le chiedo: che aspettative ha in tutti questi impegni?
E' già brava a tenerli in piedi. Molte persone vanno in ansia per molto meno, non vedo come si possa stupire del fatto che non riesce a fare tutto al massimo.

Per le altre situazioni (vedere le persone come cattive, sempre contro di Lei, ecc..) è una questione direttamente legata a come Lei si percepisce.
Finché si vedrà come una persona che non ha le capacità di fronteggiare gli altri, chiaramente li vedrà come potenzialmente "cattivi", nel senso che possono ferirla, comportarsi male con Lei, ecc... e Lei se ne allontana perché non sa come fermali o prevedere cosa faranno.

Qui gli psicologi hanno a disposizione delle tecniche per insegnarle a far in modo che gli altri la rispettino, senza per questo prevaricare gli altri, ma senza esserne prevaricata. Una volta che sentirà di avere queste capacità, non avrà più bisogno di vedere gli altri come fonte di problemi, capirà il perché dei loro comportamenti e sarà anche in grado di prevederli.

Valuti delle consulenze psicologiche. Se vuole, può cominciare a vedere come si trova in una relazione con uno psicologo, anche online, sebbene andare di persona potrebbe più utile, per via della valutazione del livello dell'ansia.

La soluzione al suo disagio esiste.
Deve solo trovare il coraggio di fidarsi di una persona che non la giudicherà mai e che l'aiuterà a risolvere.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino, Psicologa, Roma
www. nonsolofreud.it