Giovanni  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 09/03/2020

Milano

Tradimento, superato ma qualcosa non torna

Buonasera, ho 52 anni, circa 9 mesi fa ho scoperto il tradimento di mia moglie con un collega. Per loro credo si sia trattato di una storia "seria" quindi non solo sesso e via. Fermo restando la sua colpa nell'averlo fatto io mi sono subito assunto le mie responsabilità riconoscendo di averla trascurata e di averla data per scontata. Pur riconoscendo che per lei non si e trattato di solo sesso ma è stata una storia importante ha subito detto di non voler rinunciare a me. Facendola breve le cose tra noi ora "sembrano" andare bene, siamo uniti come forse non lo siamo mai stati, ma c'è una cosa che mi tormenta, il fatto che loro continuano ad avere un rapporto abbastanza stretto. Sono sicuro che non c'è piu una relazione fisica ma c'è comunque un rapporto che nonostante il mio "disappunto" non si è mai interrotto. Io ho provato a farle capire che per me l'idea che si incontrano e chiacchierano in pausa, (lavorano nella stessa azienda ma si vedono solo per pranzare), che probabilmente si scambiano messaggi quotidianamente o che come successo poco tempo fa escono in pausa per un giro all'esselunga e una cosa veramente difficile da accettare. Ho provato a farle capire cosa significa per me l'idea che loro due ridone e scherzano come vecchi amici. Lei dice che non ci trova niente di male, che per lei ora e solo un collega. E io ho perso un po il senso della realtà, e non capisco se mi sto intestardendo su una cosa a cui non dovrei dare peso, ma per come la vedo io il partner che tradisce come obbligo imprescindibile ha quello di cessare ogni rapporto con l'amante. Sbaglio? Grazie, G.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Bennati Inserita il 10/03/2020 - 10:00

Lucca
|

Caro Giovanni,
il suo disagio è più che comprensibile. Il tradimento all'interno della coppia è destabilizzante. Viene messo in discussione il suo ruolo di partner sia a livello affettivo che sessuale, mina la progettualità condivisa e ha un impatto molto forte sull'autostima. La forza che ha avuto nell'ammettere le sue responsabilità e l'impegno che mette nel far andare avanti il rapporto le fa onore ed è sintomo di consapevolezza e coraggio. L'importante è che si fermi a riflettere su ciò che tutto questo ha comportato e sta comportando per lei sul piano emotivo. Il tradimento può essere considerato un vero e proprio trauma perché va ad intaccare il legame di attaccamento e può far riemergere insicurezze e vulnerabilità personali. La invito a pensare un attimo a sé stesso e a cosa avrebbe bisogno lei in prima persona in tutto questo al di là del rapporto di coppia. Le sue paure, le sue insicurezze sono più che legittime. Avendo chiaro quali sono le nostre paure e i nostri bisogni, è più semplice condividerli e farli capire alla persona che ci sta accanto e se questa persona ci ama non esiterà a fare il nostro bene.
Resto a disposizione per ogni chiarimento.
Cordialmente,
Dr.ssa Valentina Bennati