Cristiana domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 27/11/2016

Preoccupata per mia figlia di 5 anni e mezzo

Buongiorno, sono mamma di Giulia di 5 anni e mezzo e Vittoria 2 anni e mezzo.
Il problema è Giulia, bimba molto sensibile ed intelligente..è sempre andata all'asilo con voglia e partecipa a tutto. Quando si tratta di partecipare a feste di compleanno era la prima che giocava con tutti.
E' 15 giorni che è irriconoscibile, ha cominciato a non voler andare una sera in pizzeria con amici perche c'era una bimba piu grande di lei e aveva paura che lei non venisse considerata. Poi altro caso 3 giorni dopo...non voleva giocare perche la sua amica aveva un'altra amichetta e lei non voleva...poi scuse su scuse per paura di non essere accettata o che le altre non la facciano giocare...dopo pianti e crisi si sblocca e gioca.
Ma la cosa sta peggiorando...questa mattina si è inventata il mal di pancia e non voleva andare a scuola...sembrava le fosse passato dopo aver visto la maestra e invece appena è arrivata una sua compagnetta che subito non l'ha salutata è scoppiata di nuovo. Come mi devo comportare. E' un periodo che ci sono un po di discussioni in casa ( nulla di grave, battibecchi semplici tra marito e moglie), sarà quello? Sono davvero preoccupata

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 28/11/2016 - 13:19

Viterbo
|

Gentile Cristina,

forse sta dando troppo peso ai capricci di sua figlia, tenga presente che queste difficoltà sono abbastanza frequenti nei bambini, ma non dovrebbero essere assecondate manifestando preoccupazioni eccessive, anche perché come lei scrive: "dopo pianti e crisi, si sblocca e gioca".
I bambini risentono molto delle reazioni dei genitori, se ne accorgono e agiscono di conseguenza. Quello che succede a casa con suo marito potrebbe avere delle ripercussioni sulla bambina, anche se in genere un peso maggiore in questi casi potrebbe averlo una madre eccessivamente preoccupata e ansiosa.
Se la condizione di sua figlia è per lei difficile da gestire, sarebbe utile fare una consulenza psicologia di persona (per lei individualmente o in coppia con suo marito).

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicodinamica