Francesca  domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 30/03/2020

Arezzo

Aiutare mamma in depressione dopo lutto

Buongiorno, da un anno circa ho perso mio padre improvvisamente. Il lutto, per quanto sia stato difficile, lo sto superando, quello che non sto superando invece è la depressione di cui sta soffrendo mia mamma. Lei è sempre stata una persona asociale, anche quando mio padre era in vita, ha sempre reagito d istinto in tutte le cose e adesso è stata sommersa da un malumore costante che sta durando da circa 8/9 mesi. Ha consultato tanti psichiatri, psicologi ed è anche stata ricoverata due notti in ospedale dove le hanno indicato una cura con medicinali (paroxetina, olanzapina, tavor e depakin). Lei non è più la stessa, non riesce a guidare, non si ricorda che ore sono o che giorno sia. A volte si alza alle 7 di mattina pensando che sia ora di pranzo e prepara il pranzo e molti altri episodi insoliti. Il mio problema è che a tutto questo reagisco con rabbia, insultandola e arrabbiandomi per come si comporta. Io non so come fare per aiutarla, non so come farle capire che se fa cosi fa del male anche a me e mio fratello che non siamo più liberi nemmeno di uscire per lasciarla da sola. Vi chiedo un aiuto Grazie Francesca

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 30/03/2020 - 10:14

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Francesca,
comprendo e condivido la sua preoccupazione circa la situazione di sofferenza che coinvolge sua madre.
Pertanto, poichè sua madre è stata già visitata da diversi professionisti e segue una terapia farmacologica, per supportarla al meglio può essere utile che lei Francesca ritrovi uno spazio di serenità che la aiuti a metabolizzare la difficile situazione, in modo da evitare le reazioni di "rabbia".
Consideri, infatti, che per sostenere emotivamente una persona in difficoltà come sua madre, è essenziale trasmetterle serenità, calma e stabilità emotiva funzionale a rassicurarla, condizione che può ottenere mediante una consulenza psicologica individuale.
Attraverso uno spazio di condivisione con un terapeuta, potrà comprendere in che modo approcciarsi a sua madre e anche alla sofferenza che induce in lei il disagio di sua madre.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).