Sonnambulismo

Disagi psicologici
Sonnambulismo

 

Il sonnambulismo è un disturbo del sonno caratterizzato da ripetuti episodi di allontanamento dal letto durante il sonno e di deambulazione nei dintorni, usualmente ricorrenti durante il primo terzo del principale episodio di sonno.

Durante il sonnambulismo, il soggetto ha un’espressione fissa, vuota, è relativamente non reattivo agli sforzi degli altri per comunicare con lui, e può essere risvegliato solo con grande difficoltà.

Al risveglio (sia dall’episodio di sonnambulismo che al mattino dopo) la persona presenta amnesia dell’episodio.

Nonostante l’iniziale breve periodo di confusione e disorientamento, dopo alcuni minuti dal risveglio dall’episodio sonnambulico, non c’è menomazione dell’attività mentale o del comportamento.

Spesso la persona affetta da sonnambulismo, se non disturbata, torna a letto spontaneamente dopo circa 15 minuti, senza che abbia ricordi di quello che è successo. Il sonnambulismo solitamente compare tra i 4 e gli 8 anni, e ha la massima frequenza nel periodo che va dall'infanzia alla adolescenza.
 

Su PsicologiOnline.net, attraverso l'aiuto degli specialisti, è possibile affrontare questo tipo di problematiche da un punto di vista psicologico. Non rimandare, contatta ora un professionista, fai la tua domanda o prendi appuntamento con serenità e fiducia. Sono qui per questo.