Vampiri energetici: chi sono e come difendersi

Pubblicato il 17 maggio, 2021  / Psicologia e dintorni
vampiri energetici


Chi sono i vampiri energetici o vampiri emotivi?

Albert Bernstein, noto medico americano, creò il termine “vampiro emotivo”, che si indica anche come “vampiro energetico”. Con questo termine ci si riferisce a persone tossiche e manipolatrici che cercano di rubare energia agli altri, spesso senza esserne consapevoli né avere cattive intenzioni.

Si trovano ovunque, in famiglia, tra gli amici e negli ambienti lavorativi. Per compensare la loro bassa autostima e la loro scarsa energia, i vampiri instaurano relazioni malsane con le loro “vittime”.

 

I 5 tipi di vampiri energetici

Come Bernstein scrive nel suo libro Emotional Vampires: Dealing With People Who Drain You Dry”, i vampiri “All'inizio sembrano migliori delle persone comuni. Sono brillanti, affascinanti. Piacciono, ti fidi di loro, ti aspetti di più da loro che dalle altre persone. Poi vedi che sono estremamente critici, controllanti, narcisisti o in generale, molto negativi e manipolatori.”

Egli ha distinto 5 tipi di vampiri energetici:

  1. I narcisisti: sono vampiri energetici che non provano empatia e credono di stare al centro del mondo.

  2. Le vittime: sono vampiri energetici estremamente negativi e pessimisti, che considerano tutto il mondo come un nemico.

  3. I controllori: sono vampiri energetici che dominano sempre la scena e vogliono controllare qualsiasi situazione, con la presunzione di sapere sempre qual è la cosa da fare.

  4. I logorroici: sono vampiri energetici concentrati su sé stessi, che amano parlare ma non sono aperti al dialogo, e non hanno quasi alcuna percezione della comunicazione non verbale.

  5. Gli attori drammatici: sono vampiri energetici ansiosi che si sentono attaccati ogni volta che qualcuno esprime un’opinione e tendono a ingrandire ogni piccola difficoltà che sorge.

 

Le principali caratteristiche dei vampiri energetici

I vampiri energetici si possono riconoscere grazie a delle peculiari caratteristiche che li contraddistinguono:

  • Si mostrano cordiali e gentili, proponendosi come amici, ma a volte lasciano trasparire una certa falsità

  • Si trovano sempre al centro della scena

  • Non accettano “no” come risposta e non sopportano di non ottenere ciò che vogliono

  • Considerano i loro problemi i peggiori in assoluto

  • Cercano di usare le debolezze e le ingenuità altrui per trarre un vantaggio personale

  • Raggirano le proprie vittime per ottenere qualcosa

  • Utilizzano strategie come il ricatto emotivo o il vittimismo emotivo, in modo da fare sorgere dei forti sensi di colpa nella vittima

  • Tendono a criticare gli altri e a metterli in imbarazzo e in cattiva luce per sminuirli e risaltare

  • Non rispettano le regole che gli altri seguono

  • Pensano di non commettere mai errori.

 

Come capire di essere vittima di un vampiro energetico?

Per capire se siete caduti nelle mani di un vampiro energetico, osservate il vostro stato d’animo.

Se vi sentite stanchi e stressati, siete di cattivo umore, provate sensi di colpa e vi trovate senza vitalità dopo essere stati con qualcuno, ma allo stesso tempo sentite una sorta di attrazione e di dipendenza che vi porta a continuare a vedere questa persona, allora probabilmente siete vittime di un vampiro energetico.

Capita spesso che, frequentando un vampiro emotivo, la vittima si comincia a isolare da amici e familiari. Si sente incredibilmente demotivata, insoddisfatta, incapace di prendere decisioni, privata della propria libertà, bloccata nei progetti personali, pressata psicologicamente. Molto spesso a questo si accompagnano sintomi fisici come mal di testa ricorrenti e tensioni muscolari.

 

Come difendersi dai vampiri energetici?

Per difendersi dai vampiri energetici, è necessario mettere in atto alcune strategie.

Innanzitutto, bisogna mantenere questa persona lontana da noi, stabilendo dei limiti e delle distanze di sicurezza che il vampiro emotivo non potrà oltrepassare per nessun motivo.

La vittima non deve entrare nel suo dramma, nel suo gioco, nella sua rappresentazione mentale: non credete alle sue storie e al contempo non mettete in discussione ciò che dice, perché non si merita tante attenzioni.

Agli atteggiamenti falsamente gentili del vampiro energetico, bisogna rispondere con distacco, rifiutando la loro disponibilità e il loro “aiuto”. Per lasciarli soddisfatti, si può nutrirli ogni tanto con dei complimenti, in modo da lasciarli sazi e non troppo affamati della vostra energia. È importante mantenere la calma e mostrarsi sereni e sorridenti. Non esitate a chiedere aiuto a un professionista: uno psicologo può essere un grande aiuto per uscire fuori da una situazione del genere senza strascichi.

 

E se il vampiro energetico fossi proprio tu?

Se vi sentite particolarmente pessimisti e ossessionati da voi stessi, notate che le persone non vi capiscono, cercano di evitarvi e non vi danno le attenzioni che desiderate, credete che gli altri hanno delle vite facili e senza ostacoli rispetto alla vostra, e siete molto critici e maligni parlando delle persone, allora potreste identificarvi con dei connotati vampireschi.

Se credete di essere voi stessi vampiri energetici, non preoccupatevi e agite per cambiare:

  • Osservatevi e chiedete a voi stessi cosa volete davvero, quali sono i vostri scopi nella vita

  • Apprendete dagli errori commessi

  • Sentitevi grati per ciò che avete e concentratevi sugli aspetti positivi della vostra esistenza

  • Apprezzate i vostri amici e i vostri familiari, e a poco a poco, cercate di apprezzare tutte le persone con cui entrate in contatto

  • Tenete a mente che attrarrete ciò che richiamate: essere positivi e benevoli verso gli altri, farà bene prima di tutto a voi stessi.