Non devo far altro che amare me stesso, ma è così difficile!

Pubblicato il 25 novembre, 2013  / Crescita Personale
Non devo far altro che amare me stesso, ma è così difficile!

Non devo far altro che amare me stesso, ma è così difficile...

Spesso quando si vedono persone che nutrono poca stima verso se stesse e che hanno, il più delle volte, un'aria da vittima stampata sul volto, si sente loro suggerire: "Il segreto è che devi amarti di più!" oppure, sulla stessa falsariga: "Prima di amare gli altri, è necessario che tu ami te stesso".

Ma come si fa ad amare se stessi? Quale è la via per riuscirvi se nessuno è lì ad indicarla?

Quello che viene spesso omesso da chi elargisce consigli di quel tipo è un passaggio indispensabile per realizzare il desiderio di amare se stessi: il cambiare il modo di vedere se stessi.

Chi tende a giocare il ruolo della vittima, sia che si trovi a biasimare se stesso sia che non riesca a fare a meno di colpevolizzare qualcun'altro per i propri insuccessi e insoddisfazioni, in verità crede di conoscersi bene ma si conosce solo parzialmente.

Vede infatti la realtà da un punto di vista il cui limite non è nell'essere giusto o sbagliato, ma nell'essere riduttivo e soprattutto, statico, sempre uguale a se stesso. Ogni evento è letto sempre attraverso la stessa griglia di interpretazione, in una maniera che fa sempre sentire sconfitti.

In un sistema di pensiero così rigido non vengono mai contemplate ipotesi alternative, se c'è A allora c'è necessariamente B, mai C e neppure D, c'è una chiusura totale verso una interpretazione delle esperienze che si discosti dalla propria.

Una persona che ragiona in questi termini potrà difficilmente arrivare ad amare se stessa, poiché il proprio sistema di pensiero non offre alcun motivo per farlo, e in verità non consente di trovare neppure una ragione chiara per cui si debba essere degni di ricevere amore da parte dell'altro.

Non devo far altro che amare me stesso, ma è così difficile!

Ma come si esce da questo stato di empasse? Come si può conoscere se stessi se si possiede solo un paio di occhiali attraverso i quali poter vedere la realtà?

Da soli è molto difficile uscirne, proprio per l'abitudine radicata nel vedersi dei perdenti, degli sconfitti o degli abusati, e l'abitudine è difficile che sia cambiata facilmente, dal momento che la preferenza è invece orientata a ripetere le azioni che servono a mantenere lo status quo.

L'aiuto di un professionista allora diventa una soluzione utile per creare una perturbazione utile a creare un cambiamento. Con l'aiuto della psicoterapia si va ad approfondire come si vede se stessi in relazione agli altri, e come, ovvero attraverso quali scelte, il proprio punto di vista si mantiene sempre uguale a se stesso.

Il professionista consente di guardare la propria personalità dal di fuori, come se si guardasse se stessi all'interno della scena di un film, così da comprendere quale parte si gioca all'interno della propria vita e quanto si contribuisca a creare gli esiti che si osservano. In poche parole, la psicoterapia aiuta la persona a riappropriarsi del proprio potere di scelta, a non vedersi più come un topo in un labirinto da cui non riesce ad uscire o come una farfalla con le ali bagnate.

Comprendere il come accade ciò che accade, per riappropriarsi del proprio libero arbitrio, sono passi indispensabili per intraprendere la strada che conduce all'amore verso di sè e verso gli altri.