Emozioni come risorse nel counseling alimentare

Pubblicato il 20 luglio, 2016  / Alimentazione
Emozioni come risorse nel counseling alimentare

Sebbene le emozioni di per sé hanno vita breve, possono esercitare su di noi effetti duraturi. Le emozioni positive promuovono la formazione di idee creative, permettendoci di ampliare il nostro modo di pensare e di conseguenza le nostre azioni.

Le emozioni positive costruiscono il nostro magazzino di risorse a cui attingere in caso di difficoltà, quindi sentirsi bene può fare molto di più per noi di quanto generalmente crediamo.

La teoria di ampliamento e costruzione afferma che le emozioni positive ampliano il nostro modo di pensare e agire, il che permette la costruzione di risorse personali durature. Ciò che fate, una passeggiata al parco, scherzare con gli amici, potrebbe ottimizzare il vostro stato di salute e benessere a lungo termine (Fredrickson,2000-02).

La sensazione della fame è segnalata da una riduzione della concentrazione di glucosio nel sangue.

La sazietà dipende dalla sazietà sensoriale specifica prodotta dalla vista, dal gusto, dall’odore e dalla consistenza del cibo.

Questi segnali modulano il valore di ricompensa del gusto, dell’odore e della vista del cibo per controllare l’appetito e l’alimentazione.

Lo stato motivazionale stabilisce il valore di ricompensa della stimolazione sensoriale prodotta dal cibo. Ad esempio le persone obese, tendono a mangiare cibi ad alto contenuto energetico tardi di notte, questo converte l’assunzione di energia in grasso che non può essere bruciato dall’esercizio fisico, ne dalla perdita di calorie.

Il counseling alimentare è un percorso di promozione della salute e di educazione alimentare, indicato per tutti quelli che non avendo patologie psichiche, hanno problematiche relative al cibo, al corpo e alla gestione dei propri stati emotivi. Lo psicologo funge da sostegno, in associazione e supporto alle modifiche comportamentali della dieta. La persona viene guidata all’utilizzo di strategie per modificare il proprio stile di vita, aiutato a gestire gli aspetti emotivi conseguenti all’obesità e al regime alimentare da seguire.