Veronica domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 09/01/2017

E' una relazione per cui lottare?

Ho una relazione da poco più di un anno.
Sono innamorata.
Lui è una persona strana, un artista totale e comincio a chiedermi se non abbia dei problema irrisolti nel suo passato.
Quando stiamo insieme stiamo bene, ridiamo, ci divertiamo, usciamo da soli o con gli amici.
Arriva il periodo in cui stiamo distanti e bum! Si litiga. Per qualsiasi cosa.
Poi ci riavviciniamo e va tutto bene e poi torna il periodo in cui lui è freddo e mi allontana.
Poi torna a essere tutto affettuoso e scoppia la gelosia ingiustificata con accuse tonte.
Un momento vuole tenere la nostra relazione nascosta, il momento dopo mi bacia davanti a tutti!
E’ tutto confuso. A parole mi dice che vuole vivere giorno per giorno e vedere come va, ma nei fatti fa di tutto per essere presente, aiutarmi, starmi vicino. Mi dice cosa fa dove va e con chi, vuole sapere cosa faccio, come mi sento, mi appoggia. Nelle scelte mi mette al primo posto…
Durante queste vacanze di Natale è stato tutto meraviglioso. E’ stato affettuosissimo, mi ha invitato a passare con lui Natale, Capodanno, si è fermato varie volte a casa mia a dormire, (sono una donna totalmente indipendente) mi ha portato in gita fuori porta con la famiglia. E’ stato dfavvero tanto meraviglioso. Oggi buuum! La mia collega Teresa mi ha dato la sua tv che non usa più e secondo lui io sono una bugiarda perchè di sicuro non è lei che me l’ha data! Che gli sto mentendo! E che vedrò quello che mi succedera! Che è meglio dirgli la verità…
Con il “quello che ti succederà” intende che non mi parlerà o farà qualcosa senza avvertirmi, ripicche come queste. Ma è ingiustificato! Totalmente ingiustificata la gelosia!
E questa volta sono arrabbiata. Non può farmi innamorare come una scema come durante queste feste e poi allontanarmi e uscire con queste stronzate.
Una volta lui mi disse che è un idiota e che ha paura e di tanto intanto fa di tutto per allontanare le persone e che spesso fa questo per vedere come reagiscono e per metterle alla prova. Però credo che in un anno mi abbia messo alla prova già abastanza! E poi tutti e due abbiamo passato i 30, non siamo adolescenti...
Normalmente io rimango tranquilla e aspetto che gli passi, ma ora…davvero ci sono rimasta troppo male.
So che mi vuole bene e che prova un sentimento per me anche se non lo dice. Lo so perchè ormai lo conosco abastanza bene e risco a leggere quello che sente nelle piccole cose che fa per me.
Il punto a cui voglio arrivare è questo: come capisco che davvero vale la pena lottare e appoggiarlo per andare avanti rassicurandolo del mio amore e dandogli serenità portando pazienza quando è nel suo lato oscuro?
Io con lui sto davvero bene e ancora mi batte forte il cuore vedendolo e nei suoi occhi vedo lo stesso. Ma queste sue paure… e barriere… cominciano a pesare.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Inserita il 10/01/2017 - 09:12

Gentile Veronica,

da ciò che racconta , pare abbastanza evidente che il suo ragazzo soffra di un disturbo disforico che lo porta ad avere delle oscillazioni d'umore , abbastanza preoccupanti. E' evidente che in lui amore e odio si intreccino e che egli abbia scarso controllo sull'espressione dell'ostilità, per mascherare la quale utilizza pretesti pseudorazionali e motivazioni risibili . Ha ragione ad essere inquieta , poichè se oggi il grande amore che provate l'uno per l'altro , la può proteggere almeno un pò dalle esplosioni di rabbia mascherata da gelosia di quest'uomo, nel futuro , quando cioè con molta probabilità diventerete una coppia stabile e forse l'amore -passione sarà un pò diminuito, è probabile che le manifestazioni di disagio del suo fidanzato, possano aumentare . L'unico modo che lei ha per salvare il vostro rapporto è proporgli una terapia di coppia ,che potrebbe nel tempo divenire una terapia singola , mirata cioè ad aiutare solo il suo compagno a comprendere ed elaborare il problema che egli manifesta nelle relazioni affettive, dietro le quali è probabile che si nasconda il vero motivo del suo disagio , che parrebbe afferire ad una particolare forma depressiva , le cui radici è possibile si trovino nel suo passato remoto.

Cordiali saluti
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Parma

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 10/01/2017 - 09:13

Buongiorno Veronica, non è detto che per salvare la relazione lei debba "avere pazienza" quando lui si comporta in modo così negativo. Se a suo parere in alcune circostanze ha delle razioni esagerate e del tutto inadeguate, ma nonostante questo rimane tranquilla e aspetta che gli passi come se nulla fosse, molto probabilmente gli trasmette il messaggio che può continuare a comportarsi così perché tanto lei lo accetta a prescindere ed è disposta a perdonare qualsiasi sua reazione fuori luogo.