Luigi domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 06/08/2016

Ansia da prestazione

Sono un ragazzo di 36 anni. La mia vita sessuale è sempre stata scarsa e poco soddisfacente, in quanto, forse per poca autostima o effettiva poca avvenenza, sono quasi sempre stato rifiutato dal mondo femminile. Tutto ciò mi ha portato a vivere la mia sessualità sempre in maniera "solitaria" o tutt'al più con delle prostitute (sempre con risultati medio/scarsi) sempre più raramente negli ultimi anni. Però recentemente ho conosciuto una ragazza, un anno più giovane di me, che mi piace e alla quale io piaccio. Mi trovo molto bene con lei, e le ho spiegato quello che ho scritto sopra, e lei si è mostrata molto comprensiva nei miei confronti. Abbiamo cercato di fare del sesso un paio di volte, ma con risultati deludenti: la prima volta ho raggiunto un'erezione discreta, che si è dissolta nel momento di mettere il preservativo, così abbiamo continuato solo con le mani, e in qualche maniera abbiamo concluso.. La seconda volta, molto simile: al momento di mettere il preservativo il mio pene si ammoscia, e in quel momento io mi sono chiuso e sarei scappato...
Dopo queste due esperienze fallimentari, ho deciso di parlarne col mio medico, senza specificare tutto e parlando solo di una "cilecca". Il medico mi ha prescritto il viagra 25 mg.
Ho acquistato il farmaco, ma in farmacia avevano solo il generico 50 mg, così ho spezzato in due la pasticca.
In effetti il farmaco ha avuto un effetto strabiliante; non avevo mai avuto in vita mia delle erezioni del genere, e anche la capacità di durare così a lungo. Inoltre non ho avuto nessuno degli effetti collaterali descritti sul bugiardino.
Io sono contento dell'effetto che ha avuto, ma non vorrei diventarne psicologicamente dipendente, quindi vorrei evitare di usarlo nel giro del più breve tempo possibile...
cosa mi consigliate? Provare ad avere un rapporto senza usare la pastiglia? (a dir la verità non mi sento ancora troppo sicuro del risultato, in quanto la prestazione precedente era oggettivamente "dopata")..
Oppure calare progressivamente la dose assunta? Se si, in che tempi e modalità mi consigliate?
La mia fortuna è che la ragazza con cui sto mi sembra molto comprensiva e non mette il sesso al primo posto nel nostro rapporto.. però io vorrei cercare di risolvere questo problema nel minor tempo possibile, prima di tutto per me, per poter vivere il sesso in maniera libera e felice, e poi anche per lei, che è una ragazza fantastica in tutti i sensi.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Andrea Bottai Inserita il 06/08/2016 - 17:27

Firenze
|

Caro Luigi,
la situazione si dovrebbe poter risolvere abbastanza facilmente. In effetti il farmaco è miracoloso ma alla tua età potresti benissimo arrivare a un erezione vigorosa anche senza. Il sesso è uno di quei comportamenti naturali che più ci si pensa più si peggiora, quindi bisognerebbe non pensarci. Poiché pensare di non pensare è già pensare dovresti semplicemente spostare l'attenzione su qualcos'altro che non sia la penetrazione. Visto che l'ansia da prestazione è ciò che crea il problema bisogna evitare che tu continui a metterti alla prova. Nel senso di cimentarti, col terrore però di non riuscire. Meglio sarebbe allora cercare volontariamente di fallire! Intanto hai provato a te stesso di poter avere ottime prestazioni, e non è poco. Anzi, rafforziamo questa esperienza: piuttosto che metterti alla prova continua con la pillola e divertiti a farlo in tutti i modi possibili. Poi...vedremo che succede. Altrimenti vieni in terapia.
Dott. Andrea Bottai