Federica domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 07/08/2015

Agrigento

Non capire se stessi.. ho paura a stare sola

Salve, sono una ragazza di 22 anni.
Da un anno e mezzo vivo una relazione con un ragazzo conosciuto all'università. Questa relazione è nata da un tradimento che ho commesso nei confronti del ragazzo con cui sono stata assieme per 5 anni, il mio primo amore. So che ho fatto queste azioni spinta dalla curiosità, ma questa non è una giustificazione. Ora non riesco ad essere serena e tranquilla, nonostante il mio ex ha scoperto e perdonato il mio tradimento. Passo da brevi momenti di felicità, soprattutto quando sono lontana dalla mia città e quindi con il mio attuale ragazzo, a momenti di tristezza e depressione che mi portano a piangere fino a mancarmi l'aria quando sono nella mia città in cui ogni cosa mi ricorda il mio ex. Non so se sono innamorata, se so cosa sia l'amore. Se sto vivendo questa relazione perché in realtà ho paura a stare sola. Ho paura ad andare avanti ma al tempo stesso non riesco a fare qualcosa per me. Mi sento una persona cattiva per aver fatto del male a una persona che nn lo meritava, sento che ho bisogno di soffrire per patteggiare i conti e "annullare" le mie azioni che hanno tanto fatto soffrire.
Per favore aiutatemi, non ho veri amici o qualcuno con cui parlare.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 11/08/2015 - 17:19

Gentile Federica,

come mai non ha veri amici con cui parlare? e come possiamo aiutarla?
Il suggerimento che posso darle è di concedersi quel perdono che ora nega a se stessa e di cercare di fare chiarezza nel caos dei suoi sentimenti: per farlo, deve poter ascoltarsi, entrare in contatto con le sue emozioni e vincere la paura. E' possibile?

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo
Psicologo e psicoterapeuta
Terapia individuale, terapia di coppia
Napoli Soccavo, Pompei, San Giuseppe Vesuviano
www.psicodialogando.com

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 10/08/2015 - 19:31

Cara Federica,
come esseri umani abbiamo tutti dei doveri da rispettare e dei diritti da esercitare e difendere, ciò avviene anche in ambito emotivo e psicologico. Dovrebbe essere un dovere non fare del male (anche emotivamente) ad altri in maniera intenzionale e deliberata (e non credo che il tuo tradimento fosse guidato principalmente dal voler ferire il tuo ex, quanto piuttosto da un tuo desiderio di novità e scoperta, che tra l’altro è piuttosto sano a 20 anni!). Al contempo è invece molto importante sapersi perdonare, e concedersi il diritto (diritto che abbiamo tutti!) di sbagliare, commettere errori, tornare sui nostri passi, cambiare idea. E’ vero, alcune volte facciamo scelte che possono finire per ferire o nuocere ad altre persone, ed è nostro dovere prenderci la responsabilità di saper gestire (ed incassare!) eventuali accuse e rimproveri (perché non abbiamo il diritto di essere perdonati da tutti!), ma non per questo dobbiamo sentirci sbagliati o cattivi come persone: stavamo soltanto seguendo un bisogno e desiderio personale (tra l’altro nemmeno “transitorio”, dal momento che sembra essersi stabilita una nuova relazione con questo nuovo ragazzo). Credo che un percorso psicologico possa esserti d’aiuto nel comprendere come gestire le contrastanti emozioni che stai provando e anche a far luce sull’altro dubbio, che considererei ancor più rilevante per il tuo benessere e future relazioni… ”ho paura a stare da sola?”.
A disposizione per ulteriori informazioni,
un caro saluto,
Dott.ssa Chiara Francesconi