Valentina Nappo

Dott.ssa Valentina  Nappo  Psicologa albo #4175 - Campania

  •  NA
    provincia
  •  74
    apprezzamenti

   Descrizione

Diventa ciò che sei - F. Nietzsche

Da quando ho iniziato a svolgere la professione ad oggi, ho notato un considerevole aumento di richieste di consulenza per disagi legati ad ansia e panico, difficoltà a gestire eventi critici della vita come lutti, separazioni, malattie, ecc. Per non parlare, poi, dei disordini alimentari e delle dipendenze da sostanze e non solo (gioco d'azzardo, shopping compulsivo, ecc.).

Credo che molti disagi traggano origine o che siano amplificati dalle forti pressioni avvertite a livello sociale e culturale. Per sentirci “accettati” e “amati”, riteniamo di dover essere “speciali”: più belli, di successo, sempre all'altezza della situazione, sempre “di più” di ciò che siamo realmente.
Questo “dover essere” genera una angoscia enorme, che ha le sue radici nella paura di non essere accettati così come si è, di deludere le persone di cui vorremmo invece l'approvazione e nell'esigenza di nascondere a noi stessi e agli altri quelle fragilità, umane, di cui tuttavia ci vergogniamo.

L'obiettivo del mio lavoro è proprio quello di aiutare le persone a far emergere il VERO SE', perché è li' che Risiedono talenti e risorse inespressi.
Per arrivare a questo traguardo, è necessario comprendere che essere se stessi è più importante del sentirsi speciali per gli altri! Solo se siamo NOI STESSI e VERI possiamo sentirci liberi e sperimentare una gioia di vivere piena e autentica!

Svolgo la professione in vari studi del territorio napoletano, le cui sedi sono indicate di seguito:

- San Giuseppe Vesuviano

- Pompei, presso il Centro "Medica Futura"

- Vomero

- Melito, presso il Centro Keiron.

Per saperne di più ?>

Questo è il mio CURRICULUM PROFESSIONALE

La Dott.ssa Valentina Nappo si è laureata con lode in “Psicologia dinamica e clinica dell'infanzia, dell'adolescenza e della famiglia” presso l'Università di Roma “La Sapienza” ed è iscritta all'Albo degli Psicologi della Regione Campania al n. 4175.

Successivamente, si è specializzata in Psicoterapia sistemico-relazionale presso l'Accademia di Psicoterapia della Famiglia (sede di Napoli).

Svolge l'attività di libero professionista come psicologo clinico e psicoterapeuta a Napoli, ha collaborato in qualità di psicologa con diverse strutture di riabilitazione e ospedaliere presenti sul territorio, con il Tribunale per i minorenni e il Comune di Napoli intervenendo in progetti rivolti a genitori, a coppie e a famiglie problematiche in stato di difficoltà.

Inoltre, in qualità di psicodiagnosta, svolge valutazioni psicologiche pre-operatorie per pazienti obesi candidati ad intervento di chirurgia bariatrica (come il bendaggio gastrico o la sleeve gastrectomy), affiancando numerosi chirurghi generali nel delicato processo di preparazione all'operazione.

Si occupa, in collaborazione con Pol.I.i.s., del sostegno psicologico rivolto ai familiari delle vittime innocenti della camorra per l'elaborazione del lutto/trauma e di tutta la sintomatologia eventualmente associata.

La Dott.ssa Valentina Nappo è stata redattrice del giornale online LadyO e coordinatrice dello Sportello Sanità che, in collaborazione con altri professionisti dell'area sia sanitaria sia legale, offriva un primo supporto alle donne vittime di violenza fisica, verbale, psicologica. E' stata, inoltre, volontaria presso l'Associazione Alzheimer di Bari.

Le prestazioni erogate afferiscono, come disposto dalla Legge 56/89, all'uso di strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico, nonché la sperimentazione, la ricerca e la didattica in tale ambito (Art. 1, definizione della professione di Psicologo).

Indirizzo studio Valentina
Lo psicologo non ha ancora pubblicato
informazioni sul suo tariffario.

   Percorsi di crescita

  • Comunicazione efficace

   Approcci terapeutici

  • Terapia di coppia
"Esiste un curioso paradosso: quando mi accetto così come sono, allora posso cambiare" - C. Rogers