Sveva  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 13/11/2019

Milano

L’ho visto masturbarsi, come affrontare la cosa?

Buongiorno,
Dopo un forte trauma dovuto ad una relazione di 7 anni dove sono stata lasciata per un altra, ed una lunga convalescenza, oggi ho 27 anni e lui 31, stiamo assieme da poco più di 2 anni e conviviamo da qualche mese.
Siamo tanto legati, ci conosciamo da molto più tempo e oggi ci vogliamo molto bene, ci completiamo e viviamo in totale complicità, non ci manca davvero niente, siamo felici e abbiamo grandi progetti in mente.
Oggi mi è capitato di guardare dal telefono la telecamera che abbiamo in casa per poter controllare il cane: ho visto lui masturbarsi sul divano. A pensarci ancora adesso mi crea dolore a petto e mi mette in uno stato di agitazione.
La cosa mi ha fatto molto male, so bene che è una cosa normale la masturbazione, e lui stesso ogni tanto me lo dice che lo fa, ma vederlo con i miei occhi non so perché mi ha ferito davvero tanto, e continuo a pensarci.
Non sono una che riesce a nascondere quello che prova, e sarà difficile per me nascondergli questo disagio che ho avuto perché me lo leggerà in faccia. Ma non posso dirgli di averlo visto, sarebbe imbarazzante.
Premetto che ultimamente - più precisamente da quando siamo andati a convivere a Giugno di quest’anno - abbiamo avuto pochi rapporti sessuali, in confronto a prima dove lo facevamo almeno 2 volte a settimana, in condizioni ancora più complesse.
Da un po’ invece quando provo ad avvicinarmi mi vedo “dolcemente” rifiutata, e la cosa mi rende triste, insicura, tant’è che finisco per avere una crisi nervosa e piangere, mentre lui si arrabbia e alla fine litighiamo.
Ovviamente dopo 3 rifiuti non ci ho più provato ed ho evitato l’argomento.
Qualche settimana fa gli ho chiesto se ci fossero problemi, se non gli piacessi più e perché non volesse più farlo con me.. mi ha detto che ultimamente non ha molta voglia, è stressato dal lavoro e i soldi, capita che il pene gli faccia male (così dice) e che gli manca l’autostima perché di recente se lo vede di dimensioni più piccole.
Ieri dopo due mesi ho provato di nuovo ad avvicinarmi e abbiamo avuto un rapporto, di certo non come mi aspettavo dopo 2 mesi di astinenza.
Oggi si è masturbato da solo.
Cosa devo pensare? Che succede? Non gli piace farlo con me?
Ad oggi ho paura ogni volta solo al pensiero di provare ad avvicinarmi perché sono terrorizzata dal suo rifiuto perché so già come mi sentirei e non voglio provare quelle sensazioni.
Non so cosa fare. Mi sento impotente, delusa, triste, brutta.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Alessia Bongianino Inserita il 14/11/2019 - 16:16

Milano - Porta Venezia, Buenos Aires
|

Buonasera,
Immagino che la situazione per lei non sia affatto semplice e le stia creando molto dolore. Ci sono tante tematiche tutte insieme. Sembra che quella principale sia una sensazione di rifiuto fisico che le sta danneggiando l'autostima e accrescendo le sue insicurezze. Come mai secondo lei c'è stato questo allontanamento? Cos'ha creato la convivenza?
La masturbazione è una cosa normale, ma il suo sconvolgimento sembra essere dato dalla volontà del suo compagno di cercare piacere da solo, senza condividerlo con lei.
Probabilmente il suo compagno sta affrontando una situazione difficile o di disagio. Spesso quando ci si sente rifiutati e si soffre molto per questo è facile portare le proprie angosce anziché concentrarsi sull'altro. Provi a capire come mai si sente così e se c'è qualcosa che potrebbe farlo sentire maggiormente a suo agio. Cerchi anche di capire come mai questa cosa ha avuto questo impatto su di lei. Ha iniziato la sua domanda parlando di una precedente relazione che l'ha molto segnata. Forse sente che questa l'ha resa particolarmente insicura o timorosa di poter rivivere la medesima situazione.
Rimango a disposizione per qualunque dubbio, bisogno di chiarimento o per un colloquio anche qual ora sentisse il bisogno di avere uno spazio in cui portare le sue paure e angosce.
Dott.ssa Alessia Bongianino