Cristina  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 20/07/2018

Problemi di coppia dopo 9 anni

Buonasera,
Sono una ragazza di 26 anni sto assieme al mio ragazzo da ormai 9 anni e ora viviamo assieme da 6 mesi anche se avevamo già vissuto assieme gli anni dell'università. Devo premettere che i miei genitori si sono separati bruscamente quando avevo 8 anni e mia mamma si è poi risposata con un uomo e ha avuto un bambino, mio fratello. La separazione dei miei è stata molto brutta è difficile da superare e ho avuto in passato momenti di depressione. Ora sto di nuovo male ho un lavoro che non mi soddisfa e mi fa stare male in più non sto più bene con il mio ragazzo . Cioè sento di amarlo e non vedo una vita senza di lui però non mi rende felice, allo stesso tempo sento che sto sbagliando tutto perché non riesco a vivere serenamente, continuiamo a litigare e molto spesso i suoi modi di fare mi innervosiscono e mi creano ansia e agitazione. In più mi sembra che non mi capisca mai. Non so più cosa devo fare per essere felice e non so per quanto ancora riuscirò a sopravvivere a questa situazione ...

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 20/07/2018 - 18:48

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Cristina,
Comprendo la sua difficoltà perché una relazione conflittuale è molto faticosa da portare avanti.
Da ciò che ha narrato, mi sembra di capire che le difficoltà si siano acuite da quando convivete. È stata una decisione condivisa, desiderata da entrambi? Cosa si aspettava dalla convivenza?
In passato, prima della convivenza, le liti come venivano gestite?
È importante comprendere questi aspetti e soprattutto capire se lei ha trovato una possibile associazione con quanto è accaduto ai suoi genitori, dal momento che ha citato la loro separazione come un evento difficile da elaborare e forse ancora non del tutto superato.
Può provare a confrontarsi con il suo compagno sulla situazione e nel caso in cui ciò non sia risolutivo, valutare la possibilità di rivolgersi ad uno psicologo per una consulenza individuale che la aiuti a fare chiarezza sulla situazione e capire cosa sia più opportuno fare.
Un caro saluto
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)