Esteria domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 27/03/2015

Varese

Il terapeuta giusto

Buonasera a tutti,

Ovviamente Esteria non è il mio vero nome... È il genere di un tipo di coccinella che mi portò fortuna una volta, chissà che non sia così anche in questa occasione!

Vi scrivo perché sento davvero il desiderio profondo di iniziare un analisi... In verità vorrei qualcuno con cui parlare che non soffra per le parole che gli potrei dire... Qualcuno che mi creda... Faccio molta fatica a fidarmi delle persone e vi confesso però che ho davvero molta paura. Siamo tutti persone... Anche voi professionisti come è possibile non provare emozioni o non restare in qualche modo feriti, turbati o tristi o indifferenti in qualunque tipo di relazione? Credo che in qualunque tipo di relazione si provi sempre qualcosa anche in una relazione terapeutica come l'analisi o non è così?

Signori ho divagato un po, io abito in provincia di Varese non so se potete consigliarmi direttamente qualcuno da cui andare o se qualcuno di voi della zona desidera rispondenrmi... Vedremo!:) Intanto ringrazio tutti per l'attenzione e per il tempo che nel caso dedicherete a questa mia "domanda/discussione".
Grazie
Esteria/Antonella

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 06/04/2015 - 18:53

Viterbo
|

Gentile Antonella,

la relazione terapeuta/paziente, centrale in ogni psicoterapia, non è qualcosa di asettico e il curante non sarà indifferente ai contenuti che emergeranno durante l'analisi, ovviamente è formato per poterli gestire. Quindi in definitiva può stare tranquilla.
Se intende fare questo percorso conoscitivo le suggerisco una psicoterapia ad indirizzo psicodinamico. Non possiamo suggerire direttamente il professionista, ma basta fare una ricerca on-line, anche su questo sito troverà molti professionisti.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 06/04/2015 - 20:16

Gentile Esteria,

uno psicoterapeuta è formato e allenato per poter accogliere il dolore altrui senza lasciarsene travolgere, per poterci lavorare e restituirlo alla persona che ha di fronte in una maniera che possa ritornarle utile.

Per individuarne uno della sua città, può fare una ricerca su questo portale o, in alternativa, chiedere consiglio al suo medico di famiglia.

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo
Psicologo Napoli Soccavo - San Giuseppe Vesuviano - Pompei
http://www.pscodialogando.com/

Dott.ssa Katia Rastelli Inserita il 26/04/2015 - 15:17

Cara Antonella,
è comprensibile avere tutta una serie di timori prima di iniziare un percorso di tipo psicologico all’interno del quale mettere in gioco le proprie emozioni. La prima cosa è sicuramente trovare la persona giusta, ecco perché spesso lo psicoterapeuta lavora proponendo un colloquio o una serie di colloqui a prezzo ridotto detti di “consultazione”, per permettere alla persona di valutare la sua reale motivazione ad iniziare la scoperta di sé e le modalità di lavoro del professionista (che possono variare molto), e al terapeuta di analizzare in profondità la domanda e proporre un percorso specifico (in termini di tempo e costi) costruito ad hoc.
Spero di averla aiutata a fare un po’ di chiarezza e mi metto a disposizione nel caso avesse altre domande.
Tanti auguri!

Dott.ssa Katia Rastelli
Psicologa e Psicoterapeuta
Milano