Sissi domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 22/09/2014

Bergamo

Rapporto con mio figlio

:S Mio figlio, quasi quattordicenne da un po' di tempo frequenta ragazzi di un paese vicino, spesso anche più grandi, poichè dice che con loro si trova bene e che non sono stupidi come quelli del nostro comune. Il fatto è che in coincidenza lo abbiamo visto fumare diverse volte ed ora, dopo l'ennesima litigata per fargli capire che sta sbagliando perchè é ancora troppo presto per farlo, lui risponde quasi sfidandoci, che è normale che di fumi perchè tutti lo fanno anche prima dei quattordici anni. Sembra non avere più paura di noi ma soprattutto delle conseguenze su se stesso e questo mi preoccupa perchè non so fino a che punto riuscirá a controllarsi. Quando litighiamo finisce anche per diventare violento. Noi genitori gli abbiamo sempre dimostrato amore e dato tutto ció di cui ha bisogno ma non vediamo dimostrarci alcun ringraziamento per questo, anzi, sembra quasi che non contiamo nulla... Ditemi per favore cosa dobbiamo fare per cambiare un po' le cose e avere un po' di tranquilltà. Grazie fin d'ora per i consigli che mi darete.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 20/10/2014 - 19:08

Gentile Sissy,

l'adolescenza è, notoriamente, una fase molto delicata e difficile dello sviluppo, in cui i tentativi di esplorazione e di emancipazione dalla famiglia di origine possono sfociare in comportamenti ribelli e provocatori nei confronti di chi, genitori e non solo, minacciano di ostacolarli. Aspettarsi gratitudine a questa età è forse chiedere troppo e non deve interpretare la disobbedienza di suo figlio come un'attestazione di una genitorialità poco attenta: semplicemente, suo figlio sta cercando nel gruppo dei pari la spinta per poter crescere e divenire progressivamente indipendente da voi.
La sua preoccupazione è comprensibile ma forse è il caso di aspettare un po' prima di cadere in facili allarmismi che potrebbero avere un effetto contrario a quello sperato o immaginato.
Saluti

Dott.ssa Giorgia Fantini Inserita il 17/10/2014 - 12:50

Buon giorno Sissi, l'adolescenza è una fase molto difficile per i ragazzi e mette a dura prova i genitori!!! Suo figlio sta cercando di individuarsi e purtroppo l'unico modo per farlo è quello di mettere in discussione ciò che conosce quindi voi...in questo senso temo che la tanto sospirata tranquillità dovrà aspettare ancora!!!ora è il momento di rimanere in sintonia con suo marito per poter reggere insieme agli urti di cui suo figlio ha bisogno.Suo figlio sta cercando di capire dov'è il limite invalicabile e purtroppo non basta un NO per farglielo percepire. Allo stesso modo non gli si può impedire di sbagliare!!! Occorre essere fermi sule proprie posizioni, stare in ascolto su quello che suo figlio ha da dire, non chiudere la porta del dialogo e aprire quella del confronto!!! Alla fine deve verificare che i vostri valori sono migliori di ciò che ha incontrato fuori dalla famiglia, ma per fare questo vi deve mettere in discussione.
Le auguro un immenso in bocca la lupo
Dott.ssa Giorgia Fantini