alex domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 13/06/2016

Problemi con figli del partner

Salve, mi chiamo Alessio, ho 36 anni e cinque figli, tre del precedente matrimonio di mia moglie, due nate dalla nostra unione. Vorrei iniziare con il dire che ero un ragazzo gioioso, allegro e con il sorriso sempre sulle labbra. Otto anni fa incontrai mia moglie, ne fui folgorato subito, amore a batti cuore, lei poco più giovane di me veniva da un matrimonio fallito, e portava con se tre bimbi. Io innamoratissimo non ho avuto problemi ad accettare la situazione, e cercare di stringere un legame con loro, anche perché come si fa a non voler bene ai bambini, dopo qualche mese di convivenza, mia moglie resta in cinta della prima bimba, e li iniziano i miei problemi, il rapporto diventa conflittuale, ci sono spesso discussioni per via dei bambini, io ho ricevuto un'educazione molto severa e rigida, questi bambini di seguire regole neanche a pagamento. Nasce la bambina io entro in depressione, perché la bambina non dormiva la notte, e la mattina dovevo seguire io questi tre bimbi, sveglia colazione ecc portarli a scuola, sonno perso a IOSA, decido di andare da uno psicologo, la terapia sembra funzionare, il sorriso mi ritorna, si sta un po meglio. Ora dopo otto anni sto per esplodere, premetto che in casa non faccio mancare nulla, ogni tipo di comodità, il cibo migliore sempre a tavola, vestiario griffato per tutti gli adolescenti, però, non mi rispettano, il terzo di mia moglie mi fa impazzire, da sempre problemi, mi chiamano continuamente da scuola, provoca i fratelli, risponde alla madre, risponde e provoca me, tante' che stanotte sono esploso, e gli ho mollato mezzo ceffone, non dico la madre, mi ha trattato come un estraneo e non aggiungo altro, io non sorrido più, sono sempre nervoso, qualsiasi cosa mi infastidisce, litigò spesso con mia moglie. Non ce la faccio più, voglio loro bene come figli, ma sto male, e mi chiedo se ho sbagliato a intraprendere questa relazione, una persona mi disse che avrei commesso un errore che mi avrebbe segnato a vita stando con una ragazza che aveva figli, ora ho paura di credere che avesse ragione, come posso comportarmi per uscire da questa situazione e ritrovare e ridare serenità alla mia famiglia? Grazie

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Annalisa Foti Inserita il 14/06/2016 - 12:43

Gentile Alessio,
Non credo si possa prevedere con largo anticipo se una situazione sentimentale si riveli o meno un errore, quindi cerchi di non focalizzarsi su quello che le è stato detto in passato, potrebbe contribuire solo ad aumentare il senso di frustrazione e tensione che sta provando.
Se si è innamorato di sua moglie, rimanendone folgorato e volendo prendersi la responsabilità di una situazione sicuramente complicata come quella di una donna sola con 3 figli, sicuramente avrà avuto i suoi buoni motivi. Credo sia utile che voi due, come coppia prima di tutto, ritroviate il vostro equilibrio, cercate di ricavarvi dei momenti per stare insieme e parlare di voi e del periodo che state attraversando. Siete prima un uomo e una donna che si amano e che hanno deciso di vivere la loro vita insieme, poi siete genitori di 5 figli. In quanto tali dovete cercare di trovare lo stesso stile educativo per i vostri figli, dovete essere sulla stessa linea d'onda, il rischio sennò è che i ragazzi, soprattutto in adolescenza, prendano il sopravvento e non rispettino voi e le vostre regole.
Per fare questo vi consiglio di pensare di intraprendere una terapia di coppia, che in un secondo momento può diventare familiare se lo vorrete.

Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti o domande.
Un caro saluto,
Dott.ssa Annalisa Foti (Psicologa - Roma)

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 14/06/2016 - 11:06

Gentile Alex,
non sarei così pessimista, deve soltanto trovare o ritrovare il modo di farsi rispettare che è la condizione base di ogni genitore e soprattutto di un capofamiglia.
Capisco che può essere più facile a dirsi che a farsi, perciò se non riesce da solo, si faccia aiutare da uno psicologo psicoterapeuta.
Cordiali saluti