Emanuela domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 15/02/2017

Milano

Ansia e paura dopo incidente

Buongiorno, io a giugno 2015 ho avuto un incidente frontale, non ero io alla guida della macchina ma il mio compagno, fortunatamente siamo usciti tutti illesi, da quel giorno la mia vita è cambiata, ho paura di stare in auto, ho paura che mi possa accadere qualcosa di brutto, di stare male e di morire in quasi qualsiasi momento della giornata, ho paura che i miei genitori muoiano, ogni tanto avverto palpitazioni e segni di svenimento, a volte rinuncio ad uscire pur di non stare in macchina, sia se guidata da me che da altri. Premetto che prima dell'incidente ho sempre guidato tranquillamente senza nessun problema o paura. C'è anche da dire che dopo due mesi dall'incidente mi sono trasferita con il mio compagno al nord, e tutte queste paure le associo all'incidente ma effettivamente non so se sono dovute anche al mio spostamento.In più ci si mette lo sconforto di non riuscire a trovare un lavoro stabile dopo svariati colloqui che ho fatto, con la consapevolezza che nel mio lavoro precedente davo l'anima e lo facevo a meglio. Vorrei un aiuto per farmi passare queste ansie che so essere inutili. Grazie mille

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Andrea Bottai Inserita il 15/02/2017 - 14:47

Firenze
|

Cara Emanuela, devi sapere che la paura si accresce di tutti gli sforzi che si fanno per evitarla. Sicuramente il cambio di città e le difficoltà sul lavoro, possono aumentare l'ansia e quindi le reazioni di panico alle tue paure. Ma il problema non è tanto la paura, quanto gli evitamenti che metti in atto e che, lì per lì, ti fanno sentire più al sicuro ma poi? Una esperienza traumatica come l'incidente che hai subito può benissimo creare una paura, ma è poi quello che fai per dominare la paura che la aggrava. La paura evitata si trasforma in timor panico mentre la paura affrontata si trasforma in coraggio. Dovresti evitare di evitare ma non credo che tu ci riesca. Anche parlarne in giro e farti aiutare sul momento possono rassicurarti ma contemporaneamente ti confermano che da sola non ce la fai. Se non ce la fai da sola cerca l'aiuto di un professionista che ti possa guidare ad affrontare gradualmente le situazioni temute. Cari saluti.
Dott. Andrea Bottai

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 16/02/2017 - 11:12

Buongiorno Emanuela, molto probabilmente l'incidente per lei ha rappresentato un trauma che necessita di essere elaborato con l'aiuto di un esperto. Il trasferimento e le difficoltà nel trovare lavoro potrebbero incrementare ulteriormente il suo malessere, ma il fattore scatenante sembra essere l'incidente