Elena domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 03/02/2017

Milano

Il mio ragazzo è in carcere

Sto davvero male lui è la mia unica felicità..Da 3 mesi è in carcere per cose vecchie..Ora mi sento così sola non ho amici mi hanno abbandonata tutti sono sola..Il mio ragazzo invece di migliorare ed essere forte in carcere si sta buttando giù.. Vorrei stare al suo fianco ma mi sento così inutile.. continuo a piangere e non ho nessuno con cui sfogarmi

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Arcangela AnnaRita Savino Inserita il 04/02/2017 - 09:57

Gent.le Elena,
il momento che sta vivendo è sicuramente un momento delicato per l'evento che per i contorni sociali che ha descritto. Tutto ciò che accade nella nostra vita deve essere direzionatao da noi a rafforzarci e a farci crescere. Per lei e per il suo ragazzo il momento che state vivendo è sicuramente delicato e va affrontato accettando con la sola consapevolezza quello che è successo, assieme alla maturità che le situazioni (belle o brutte, giuste o ingiuste) vanno gestite individuando degli obiettivi positivi da raggiungere e vanno coltivati con costanza e pazienza. L'impegno e i frutti molto spesso arrivano dopo un po' di tempo ma arrivano. Quindi lei ha il compito di individuare gli obiettivi positivi che vuole raggiungere per la sua vita e i cui risultati potrà conviderli un domani con chi lei lo desiderera'. In contemporanea se desidera e soprattutto se si sente "in grado" , ed è ciò che vuole, può sostenere e dare supporto al suo fidanzato ad affrontare la situazione attuale. Può trasferire a lui lo stesso concetto: nello scontare la pena deve guardare anche lui al domani a ciò che vorrà raggiungere un giorno ormai libero. Anche stando in luoghi chiusi o in situazioni "strette" e difficili possiamo SEMPRE costruire il meglio per noi stessi.
Inizi a "lavorare" per se stessa e vedrà che sarà più in grado anche di aiutare l'altro.