MrAzedon domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 20/10/2015

Ha ancora tutto un senso?

Salve, sono un semplice ragazzo di 19 anni da poco diplomato, che sta vivendo ancora l'angoscia di non sapere cosa essere da grande, e quindi quale facoltà scegliere all'università. A scuola me la cavavo in tutte le materie, mi piacevano la maggior parte, anche se avevo un occhio di riguardo nei confronti delle materie umanistiche (italiano, latino, storia). Perciò una mia prima scelta è stata quella di intraprendere la facoltà di lettere moderne, per poi diventare docente. Ma oltre al tortuoso e difficile percorso, alla fine, data la situazione attuale, trovare lavoro nelle scuole è una vera e propria utopia. Di conseguenza ho deciso di fare i test sia in medicina sia in professioni sanitarie, perché essere un esperto nell'ambito sanitario non mi dispiacerebbe, ma in entrambi i casi non sono riuscito a passare. Quindi adesso ho davanti a me due possibilità: scegliere comunque lettere nella consapevolezza che sarò disoccupato, oppure scegliere farmacia, frequentando un anno e studiando materie che mi incuriosiscono, ma sono sempre difficili e toste (conoscendomi non so se sarò in grado), per poi riprovare medicina l'anno prossimo e sperare in una convalida degli esami. Ma in tutto questo discorso, lo dico sinceramente, ho molta paura. Sono stanco e non so se sarò in grado mentalmente di cominciare una nuova avventura dopo tutto ciò che è accaduto, ma vivere quest'anno senza fare nulla, non è nei miei obiettivi. Grazie dell'attenzione e spero in una risposta.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Tomaselli Inserita il 20/10/2015 - 20:43

Ciao Mrazedon,
la tua confusione è comprensibile e connessa alle difficili sfide che la chiusura del ciclo scolastico della scuola superiore pone. Alla tua domanda iniziale su "ha ancora tutto un senso?" mi sento di consigliarti di guardare bene il senso che può avere per te. Il fatto che tu dica di non voler passare l'anno senza far nulla ,perché non è tra i tuoi obiettivi mi fa ben sperare che tu sia ancora pieno di scopi, ma che non ti permetta di scegliere quelli più congeniali a te, perché sotto pressione per le recenti frustrazioni. Prova a dar spazio a quello che vorresti fare . Prova a immaginarti "da grande" e gioca a scoprire qual'è il vestito che ti fa stare meglio. Il tuo problema non mi sembra tanto la competenza, quanto l'ansia da prestazione dovuta alla ricerca di una nuova definizione di te nel mondo post scuola. Si può stare ancora un po' senza sapere cosa essere da grandi. Ciò che siamo cambia in continuazione. Quello che ti potrebbe far stare più sereno e far placare l'angoscia potrebbe essere pensare ai tuoi bisogni e desideri, sforzandoti di mettere da parte, in tale ragionamento, le voci di genitori, professori ed esterni che tanto servono, ma che a volte rischiano di soffocare la voce propria.
Un Saluto
Dott.ssa Valentina Tomaselli