m.  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 12/11/2020

Non so cosa mi succede! Però sono molto preoccupata, non sono più io!

Salve, sono una studentessa universitaria. A febbraio, ho subito una forte delusione amorosa; nulla, dopo che mi ha mollata ha sempre cercato di mantenere un minimo di rapporto (di tipo indiretto) con me, avvicinandosi alle mie amicizie più strette e addirittura ai miei familiari. Ha sempre detto di amarmi, nonostante il fatto che neanche dopo 6 giorni dalla rottura, sentiva già altre persone scambiando numeri etc.. Alla fine dopo 2 mesi dall'ultimo "ti amo ma non possiamo stare più insieme", mi ha detto che non mi amava più. In tutto ciò, si è sempre mantenuta a distanza da me, trattandomi in modo scontroso anche se l'unica persona che magari poteva avere quel tipo di atteggiamento ero io (eppure non l'ho fatto, non riesco ad odiare una persona con cui ho condiviso tanto e soprattutto ho amato). Ho raccontato l'episodio perché mi sento incapace di accettare tutto ciò, destabilizzata, vuota, stressata, ansiosa, depressa, non lo so! So solo che non riesco più a studiare, non riesco più a stare spensierata e a perseguire i miei obiettivi e credo che questo sia dipeso da quello che mi è successo. Vorrei avere un vostro parere a proposito, perché non sono mai stata il tipo di persona che si butta giù, ma ad ora non riesco a trovare la forza per reagire e tutto mi sta sfuggendo di mano. In attesa di risposta, ringrazio.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Bennati Inserita il 13/11/2020 - 09:09

Lucca
|

Cara M., la fine di una relazione è un vero e proprio lutto da elaborare che necessita di tempo. Il tempo varia da persona a persona e a seconda delle circostanze in cui la relazione è finita, di quanto ci ha investito e il significato che ha per lei. Tutto quello che sta provando è normale, come è normale sentirsi diversa, sta attraversando un momento molto difficile e doloroso. L'importante è non colpevolizzarsi circa le sue reazioni e la sua incapacità a reagire: è normale quando perdiamo un punto di riferimento. Una prima cosa l'ha fatta: scrivere qui! Questo significa che sta chiedendo aiuto e non si sta lasciando andare. Deve solo darsi il tempo di elaborare e passare purtroppo da questa sofferenza che sta vivendo, libera di vivere tutte le emozioni e di esprimerle perché non c'è niente di male anche a confidarsi con le persone delle quale si fida. Un abbraccio,
Dr.ssa Valentina Bennati