Giuseppe  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 24/04/2019

Disturbi ossessivi

Slave
Sono un ragazzo di 27 anni e soffro da molti anni di pensieri ossessivi e di paure paranoiche. Ormai passo da una crisi all'altra non vedo più luce nella mia vita. Ho paura di tutto e ogni giorno mi invento una cosa nuova per rovinarmi la giornata. Ora per esempio ho paura che il mio gommista non mi veda pneumatici originali e quindi mi scoppierà la ruota e morirò o ancora peggio farò morire qualche altra persona. Questi pensieri mi angosciano. È come se vivessi con la morte dietro l'angolo. Purtroppo penso sempre più volte che forse l'unica soluzione sia la morte stessa ma non avrei mai il coraggio di fare una cosa del genere. Almeno spero. Comunque volevo chiedervi se delle sedute online fossero possibili. Purtroppo vivo all'estero e vorrei fare le sedute in italiano. Inoltre ho avuto anche esperienze deludenti con altri psicologi e spero finalmente di trovare quello giusto.
Spero in una vostra risposta.
Cordiali saluti

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 24/04/2019 - 10:54

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno P91G,
da ciò che narra, mi sembra di capire che il suo disagio richieda un'analisi approfondita e soprattutto vis a vis, quindi le sedute on-line potrebbero aiutarla nella fase iniziale, per inquadrare il problema, ma poi è consigliabile proseguire il lavoro in un setting individuale reale.
Soprattutto perchè riferisce di aver avuto "esperienze deludenti con altri psicologici", elemento che suggerisce un'aspettativa pessimistica-fallimentare riguardo ad un eventuale lavoro psicologico.
Quindi, se desidera "trovare quello giusto" è indispensabile che stabilisca un rapporto direttoe personale con lo psicologo e che possa percepire da ciò se sia effettivamente il professionista che fa al caso suo.
Ci pensi.
Un caro saluto.
Dott. ssa Anna Marcella Pisani (Roma).

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 25/04/2019 - 09:42

Milano
|

Gentile P91G, la prima cosa che mi ha colpito in questa sua richiesta, è il nickname che si è scelto: P91G è un nick molto…meccanico, fa pensare a un robot. E talvolta quei pensieri ossessivi possono essere talmente opprimenti e ripetitivi, da far percepire la propria vita come incanalata in un meccanismo asfissiante. Bisognerebbe capire a cosa "servono" quei pensieri, quali paure nascondono, che cosa evitano. A volte, dietro i pensieri ossessivi c'è la paura della morte. Un pensiero che s’intravede nelle sue fantasticherie, mi sembra abbastanza consapevole. Vive all'estero da quanto tempo? In che modo si è integrato, ha avuto delle difficoltà? Che cosa ha lasciato dietro? Tutte domande che possono essere affrontate all’interno di una relazione terapeutica. Si può fare online? Al momento, non abbiamo evidenze tali da poter affermare con certezza che funzioni, anche se l'esperienza di molti colleghi che la praticano già da molti anni è positiva. Come nella seduta offline, ciò che è importante è l'impegno della persona e la sua capacità di autosservazione, di guardarsi dentro e fuori di sé. La mia esperienza finora è positiva ed è stato importante e lo è ancora rappresentare emotivamente per la persona un punto di riferimento mentre si vive in una terra sconosciuta, una sorta di legame con la terra di origine. Sarebbe importante avere la possibilità di fare ogni tanto sedute in studio per vedersi "di persona". Quando succede, è un’emozione unica. Cari saluti.