Eleonora  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 13/12/2018

Ansia e pensieri negativi

Ciao, sono una ragazza di 22 anni fidanzata con un ragazzo di 23 anni da due anni.
In due anni di relazione siamo sempre stati molto uniti, innamorati, affiatati e complici e lo siamo anche ora. Però da una settimana soffro di ansia e di pensieri negativi non veri che si presentano all'improvviso. 'E se non lo amo più come prima?', 'Se non mi piace più come prima?'.
La risposta la so. sono molto innamorata, provo ancora attrazione fisica per lui e continuo ad avere progetti per il futuro, quando sono insieme a lui riesco a rilassarmi e a lasciami andare ma quando siamo lontani queste domande si ripresentano,non so come mandarle vie e non riesco a vivere serena.
Cosa devo fare?
Grazie.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Andrea Bottai Inserita il 13/12/2018 - 11:15

Firenze
|

Ciao Eleonora, quando la mente insicura va in cerca di certezze il pensiero diventa un nemico. Sono le domande ad essere sbagliate, sono domande alle quali non esiste proprio una risposta definitiva, certa e rassicurante. Ogni risposta per quanto ragionevole alimenta nuovamente il dubbio. E se continui ti ci perderai dentro. Bisogna intervenire.
Cari saluti.
Dott. Andrea Bottai

Dott.ssa Chiara Rottoli Inserita il 14/12/2018 - 07:24

Monza
|

Cara Eleonora, forse sta vivendo un momento delicato della sua relazione o della sua vita, in cui stanno avvenendo alcuni cambiamenti importanti.
Questo genere di domande è legittimo in un rapporto, in particolare quando si inizia a pensare a un futuro condiviso.
Le è già capitato di avere questo genere di pensieri che le causano ansia, o si definirebbe una persona ansiosa?
Se vuole approfondire sono a disposizione, ma mi sento di rassicurarla rispetto a questi pensieri perché è certa di essere innamorata del suo ragazzo.
La invito però ad affrontare con lui questo discorso per aiutarla a chiarire meglio i suoi pensieri e auspicabilmente ad approfondire ancora di più il vostro legame.


Un saluto
Dott.ssa Chiara Rottoli