Chiara domande di Alimentazione  |  Inserita il 30/11/2015

Alimentazione e binge eating

Come posso capire se soffro di binge eating?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 30/11/2015 - 20:19

Buonasera Chiara,
immagino che se si ponga questa domanda avrà notato dei comportamenti alimentari che non le piacciono, che la fanno star male, sentire in colpa, triste o arrabbiata.. All'interno di quest'etichetta ricadono vari comportamenti alimentari non equilibrati, che possono andare da abbuffate oggettive (in cui o durante un pasto o fuori pasto vengono mangiati molti più alimenti e calorie di quanto farebbe normalmente un altra persona nella stessa circostanza), a situazioni di continui stuzzichini per tutta la giornata, quindi non vere e proprie abbuffate ma un continuo spilucco fuori dai pasti principali, a situazioni in cui si ricerca cibo in orari non consueti, come ad esempio durante la notte. Ciò che resta fondamentale in questa problematica, non è tanto la questione del quanto si mangia, ma del perchè si mangia! Ciò ogni volta che si cerca cibo è per fame? O molto più spesso per colmare un altro tipo di vuoto.. emotivo.. per sedare una sgradevole sensazione di insoddisfazione, o di rabbia.. di noia.. di incapacità.. di solitudine.. di tristezza ecc..? Quindi direi che la domanda chiave che dovrebbe porsi è: mangio quando ho fame o seguendo altri impulsi? Se la risposta è la seconda, specie se dopo lo stuzzico o l'abbuffata prova altri pensieri spiacevoli.. si giudica male, si rimprovera.. si arrabbia con se stessa ecc.. allora forse potrebbe beneficiare di un percorso psicologico per equlibrare e gestire meglio la sua emotività e comprendersi più nel profondo (indipendentemente dalla presenza o meno di un'etichetta diagnostica!).
A disposizione per ulteriori informazioni,
un saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi - psicologa cognitivo comportamentale
www.chiarafrancesconi.it