silvia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 25/12/2017

Trieste

Incinta ma credo di aver sbagliato tutto

Buongiorno,
sto da 9 anni con il mio compagno, la nostra relazione ha avuto alti e bassi, ma è sempre proseguita perché, nel tempo, lui è migliorato molto nei miei confronti. Ha sempre dato l'idea di volermi bene, senza corrermi troppo dietro e questa cosa mi ha sempre tenuta sulle spine e ha fatto sì che, nonostante diverse serie occasioni per chiudere, abbia sempre scelto di restare con lui . Mi sento legata a lui da un legame molto profondo, che avrei definito fino a qualche tempo fa amore. Il sesso però è sempre stato un problema, ovvero tranne in rare occasioni, nella vita intima con lui non mi sono mai sentita appagata e soddisfatta. Da due anni, complice una vacanza nella quale il mio compagno mi ha lasciata partire "sola" con un gruppo di amici/amiche, è nato qualcosa con un nostro amico comune (a peggiorare la situazione, l'ex di una cara amica che lei ha lasciato circa 6 mesi prima, senza mai avere rimpianti), che ci ha portato a iniziare una relazione "clandestina" , che non riguardava esclusivamente il sesso. Lui toccava delle corde emotive di me che ho sempre ignorato o messo in secondo piano, inoltre con lui il sesso è stato per la prima volta in vita mia qualcosa di unico e irresistibile. il senso di colpa, inizialmente era fortissimo e la testa mi rimproverava per ciò che stavo facendo e cercava di imporsi a chiudere il tutto prima possibile. Nel tempo, però, i sensi di colpa sono andati diminuendo, perché le sensazioni erano talmente intense e irrinunciabili che le trovavo "giuste" per me, egoisticamente e nonostante tutto. In ogni caso dovevo risolvere la situazione, dei giorni pensavo di chiudere la storia con il mio compagno (ma affrontare lui e l'amica mi pareva un problema insormontabile), altri giorni quella con l'amico (la scelta più semplice), il limbo non poteva proseguire. Finche il mio compagno ha iniziato a parlarmi di figli e io mi sono illusa che finalmente facevamo le cose sul serio e che poteva essere un buon modo per chiudere la situazione. E' successo senza nemmeno troppi tentativi. Inizialmente ne ero felice e la testa ha imposto il nuovo registro di vita, rinunciando per sempre all'amico comune, giustificandomi che tutto questo sentimento e questa enfasi erano certamente determinate dal contesto "proibito", di trasgressione, ma che alla fine se non avevo trovato il coraggio di scegliere prima, evidentemente non era "abbastanza". Oggi sento che sto facendo l'errore più grande della mia vita, mi esplode il cuore, sento che sto sbagliato tutto, che ho rovinato le esistenze del mio compagno, dell'amico, la mia e rovinerò quella del nascituro, che crescerà sotto queste menzogne. La mia pancia e il mio cuore, ancorché la testa dica altro, non vuole rinunciare all'unica persona che mi ha fatto sentire così bene, come nessuno mai. . Mi vergogno di me stessa. Mi sento egoista, irresponsabile. Non vedo vie d'uscita

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Francesca Di Niccola Inserita il 29/12/2017 - 17:49

Salve Silvia, mi colpiscono le sue parole cariche e dense di sentimenti forti e contrastanti allo stesso tempo. E' una situazione delicata e complessa quella che si trova a vivere. Scrivere, forse, l'ha per un istante portata a liberarsi di qualche peso ma è importante che lei si dia la possibilità di concedersi uno spazio ed un tempo adatto per affrontare tutto quello che ha descritto. E' troppo importante che lei si conceda l'opportunità di fare chiarezza dentro di se e prendere la decisione che più è funzionale al suo benessere e la sua felicità. Le consiglio una consulenza con uno psicologo/psicoterapeuta a breve.
Cordiali saluti
Dott.ssa Francesca Di Niccola