Rebecca domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 30/11/2017

Napoli

Non trovo nessuno che mi piaccia

Salve,
sono una donna di 32 anni che ha chiuso l'ultima relazione importante due anni fa.
Una relazione a distanza durata tre anni, per la precisione. Verso la fine di questa relazione, io persi il lavoro e, per la vergogna ed il dolore di non riuscire a ricollocarmi, caddi in uno stato di prostrazione tale che a volte mi impediva di uscire di casa (o, addirittura, dal letto). Lui mi lasciò al telefono, dicendo che non poteva più sopportare "tutto quel dolore" e che forse non mi amava più. Da allora non l'ho più visto di persona.
In questi due anni ho avuto due relazioni molto "fisiche" rispetto al rapporto appena concluso, ma che non si sono concretizzate, di fatto, in un rapporto di coppia effettivo.
Anzi, entrambe le persone hanno scelto - poi - altre persone con cui stare. Come il mio ex, che solo quattro mesi dopo la nostra rottura si è rifidanzato ed è andato a convivere con un'altra. La cosa, da un lato ha inasprito il mio senso di inadeguatezza, dall'altro mi ha come frastornata.
Adesso esco, ho un nuovo lavoro nella mia città di origine, frequento gli amici di sempre (molti dei quali, ormai, sono sposati con prole o in procinto di convivenza), mi vedo dei ragazzi e spesso vengo corteggiata da loro ma non riesco - di fatto - a provare alcuna attrazione. Percepisco sempre subito che c'è qualcosa che non va e non accade assolutamente nulla.
Penso spesso all'ultimo ragazzo con cui ho avuto un legame puramente sessuale, più come mera fantasia che come ipotetico compagno perché, tutto sommato, lo ritengo problematico ed immaturo.
Di base, potrei dirmi soddisfatta della mia nuova vita, ma è da un po' di mesi a questa parte che mi sento fuori dai giochi. Come se la mia vita sessuale e sentimentale sia un capitolo morto e sepolto su cui devo scrivere la parola "fine" e passare ad altro.
Di base, sarei una persona affettuosa, che ama stabilire legami profondi. Quindi, la sensazione con cui vado a dormire ogni sera e con la quale mi sveglio ogni mattina, è che è come se mi stessi trascinando dietro il cadavere di una parte di me.
Come faccio ad uscire da questo impasse?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Guido D'Acuti Inserita il 03/12/2017 - 17:14

Gentile Rebecca Buonasera,
da quanto scrive sembra che al momento stia portando con sé il peso di molte sofferenze del passato, legate alle delusioni sentimentali. Questo peso non le lascia spazio per riuscire a vivere con serenità e tranquillità il presente e le nuove relazioni che sta avendo.
Credo che sia necessario dapprima mettere il passato nel passato, trovando nuovamente un equilibrio a livello emotivo, e poi riproporsi nella qui ed ora più libera e pronta per sperimentarsi.

Per qualsiasi informazione e consiglio mi può contattare telefonicamente o via mail.
Cordiali Saluti
Guido D'Acuti