Fire domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 10/11/2014

Pesaro Urbino

La poca autostima mi rende insignificante

Salve, ho quasi 22 anni e non ho mai avuto un ragazzo.
Non sono brutta, esteticamente non ho niente da invidiare, ma molto spesso trovo in altri qualità migliori delle mie e mi pongo sempre uno scalino più in basso. Questo è il mio problema io non mi amo e di conseguenza le persone non si possono innamorare di me. Non pretendo mai niente dalle persone appunto perchè penso che non si devono scomodare per me così sono consapevole di creare una barriera che mi impedisce di approfondire le relazioni.
Vorrei semplicemente essere capace di fare innamorare, di fare in modo che le persone vogliano restare, ma senza chiedere, vorrei sapere se esistono davvero persone che non sono capaci di amare, come penso di essere io.

Grazie in anticipo

  6 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Annalisa De Filippo Inserita il 24/11/2014 - 16:11

Sesto San Giovanni
|

Gentile Fire,
dici "questo è il mio problema io non mi amo": sei stata brava nell'individuare un nodo critico e credo sia opportuno partire da qui per rompere la "barriera che mi impedisce di approfondire le relazioni".
Per spunti di riflessione, ti segnalo il video "Autostima: una perla preziosa" disponibile al seguente link:
http://www.youtube.com/watch?v=8j73QT75pQk

I migliori auguri.

Dott.ssa Annalisa Sammaciccio Inserita il 22/11/2014 - 09:11

Salve Fire, risposndo alla sua ultima domanda dicendole che esistono persone che hanno paura di amare, non solo gli altri, ma anche se stessi. Lei ha una chiara consapevolezza dei meccanismi che attua sia con sè stessa che con gli altri per acuire la distanza da loro. Parta da questo e vada alla ricerca di ciò che intimamente la blocca e le impedisce di soddisfare un bisogno, che invece dentro di lei grida a gran voce il desiderio di essere amata. Un cordiale saluto,
dott.ssa Annalisa Sammaciccio
www.annalisasammaciccio.com

Dott. Alberto Vignali Inserita il 30/11/2014 - 19:43

Cara Fire,
non penso che il tuo problema sia che tu non sei capace di amare; il problema sembra che sia che tu non ritieni di poter essere amata, il che significa essere accettata per come sei, perchè ti ritieni inferiore; forse per questo hai anche paura di entrare in relazione perchè pensi di essere rifiutata e così metti su la barriera di cui parlavi.
Credo che un percorso psicoterapeutico ti potrebbe aiutare a amarti accettandoti così come sei il che è la premessa fondamentale per poter permettere anche a qualcun altro di amarti.
Se sei interessata, sono disponibile per un primo colloquio gratuito.
Alberto Vignali

Dott. Gianni D'Arcangelo Inserita il 24/11/2014 - 14:12

Più che persone, ritengo ci siano momenti della vita in cui sia ha difficoltà ad amare, cioè ad entrare in contatto profondo con l'Altro.
Dott. Gianni D'Arcangelo

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 22/11/2014 - 15:51

Cara Fire,
dalle tue parole emerge una certa consapevolezza di te e dei tuoi meccanismi che probabilmente contribuiscono a mantenere l’isolamento e la distanza dagli altri. Si, esistono altre persone che non sono in grado di apprezzarsi e che finiscono anch’essi intrappolati da questi circoli viziosi. Molte di queste persone riescono però ad abbattere i loro muri con un percorso psicologico che li aiuta a comprendere come si sia creata questa sensazione di “insignificanza” e come lasciarla andare via, arricchendo la vita di altre sensazioni ed emozioni. Il poco amore che provi nei tuoi riguardi ti porta a non aspettarti nulla, non chiedere, non far valere i tuoi bisogni, che con tutta probabilità hanno invece la loro ragione di esistere e di voler essere soddisfatti ed appagati. Sei ancora molto giovane, e questo mi porta ulteriormente a consigliarti di affidarti ad un terapeuta che ti affianchi e ti sostenga nella ricerca di te stessa. Così come ti sei data l’opportunità di scrivere in questo spazio, facendo una cosa buona per il tuo benessere, prova a fare un secondo passo, intraprendendo un vero e proprio percorso. Non c’è modo migliore per iniziare a volersi bene.
A disposizione per ulteriori informazioni,
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi

Dott.ssa Mara Gallo Inserita il 22/11/2014 - 13:47

Gentile Fire,
Lei consapevolmente, a livello razionale, riconosce di non essere meglio o peggio di altri, ma alcune sue voci interiori, a livello emotivo, la fanno sentire meno valida, meno adeguata, insignificante. Lei descrive e percepisce chiaramente che ciò che le impedisce di vivere pienamente la sua vita è una questione di autostima e che il nocciolo del problema è dentro di sè. Bene, questo è un punto importantissimo per lei da cui partire, che le apre la possibilità di innescare un cambiamento. Il lavoro che dovrà fare deve tenere conto di ciò che ha minato la sua autostima e sicurezza in se stessa, elaborandone le cause (esempio: modelli di riferimento, frasi che sono state dette su di lei da bambina, messaggi che ha ricevuto dagli adulti, episodi significativi in questo senso..), ma anche nel potenziare le sue esperienze positive e di adeguatezza, a partire dagli ambiti in cui si sente un po' più capace. Se vorrà farsi accompagnare in questo da un professionista, io considero l'emdr anche un buon metodo per il rinforzo delle risorse e competenze, oltre che per l'elaborazione delle cause profonde dei problemi. Buon lavoro!