alex-andros domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 08/11/2014

Torino

Quando la moglie vuole una donna

Buongiorno
mi chiamo Alessandro, ho 45 anni, mia moglie 37, una figlia di 4. Sposati da due anni dopo una convivenza di dieci anni. Nessun problema particolare se non che quest'estate mia moglie mi confessa che a lei piacciono “anche” le donne. La notizia non mi sorprende più di tanto: un sospetto l'ho sempre nutrito ma sentirlo dire in piena sincerità mi ha lasciato spiazzato. Da quel momento, un otto volante di emozioni: paura (mi lascerà per una donna?), insicurezza (sono io il problema?), incoraggiamento (almeno non è un altro uomo), eccitazione (ci scappa un'avventura a tre). Poi la razionalità: fattene una ragione, mi dico, lei è così, tu non ci puoi fare nulla se non accettarla per quello che è. E così ho fatto: ho accettato la cosa, ho cercato di renderla condivisa, giocando con lei sull'ambiguità, quasi incoraggiandola a "togliersi la voglia" perchè, è controproducente tenere repressa la propria natura. Mia moglie mi ha sempre assicurato che il mio ruolo di marito e amante non è in discussione, che è soddisfatta di me, come compagno di vita e sotto le lenzuola. Un giorno mi parla di una ragazza (che entrambi conosciamo ed è una lesbica dichiarata con relazione "ufficiale") con la quale "qualcosa" è accaduto. Ne parliamo, si frequentano, e continua a rassicurarmi sul fatto che il nostro rapporto non è in discussione. In effetti, tutto sembra filare liscio, pure a letto, dove evidentemente le mie fantasie giovano al nostro rapporto e mia moglie non si tira indietro. Ma continuo a chiedermi se il mio atteggiamento sia corretto, se, per il timore di perderla, sto spingendo troppo mia moglie nel letto di una donna. Atteggiamento che non sarebbe reciproco. Insomma i dubbi sono tanti. le domande pure. che fare?

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Carla Maria Brunialti Inserita il 22/11/2014 - 17:48

Quella che poteva essere una semplice "rivelazione" da parte di Sua moglie di una propria naturale propensione sta diventando un fatto concreto a causa della sua paura di perdertla e che rende Lei complice della realizzazione di quello che poteva essere semplicemente un "sentire".
occorre che Lei si chieda se è questo che Lei vuole.
Sì, una consulenza da solo e poi con la moglie sarebbe molto utile!

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 23/11/2014 - 16:03

Caro Alessandro,
le fantasie sessuali sono del tutto naturali in una coppia, sopratutto quando, come nel suo caso, vengono condivise tra i partner.
Nel suo caso però non si tratta più di una fantasia: qualcosa tra sua moglie ed una donna è effettivamente successo.
Quello che non riesco a cogliere dalle sue parole è il suo "parere" sulla questione: lei è d'accordo oppure cerca di spingere sua moglie in questa avventura sperando che, una volta realizzata la fantasia, questi pensieri possano svanire?
Concordo con la collega: le consiglierei un consulto da uno specialista per poi valutare anche un consulto anche con sua moglie.
Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa in Torino
www.valentinamossa.com

Dott.ssa Emanuela Carosso Inserita il 22/11/2014 - 10:20

Posto che le fantasie sessuali di sua moglie paiono non interferire nei vostri rapporti intimi, ho l'impressione che lei tema soprattutto l'abbandono. Ovvero avverte una fragilità della storia che un'eventuale terza persona potrebbe incrinare ulteriormente. Tenti di colloquiare con sua moglie e di trasmetterle il suo bisogno di rassicurazione sulla tenuta del vostro matrimonio. Ove incontrasse difficoltà, proponga alla signora un incontro con un terapeuta di coppia, che potrebbe aiutarvi a superare la crisi latente suscitata dalle confidenze fattele da sua moglie. Auguri.