Speranza domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 28/08/2016

Cosenza

Paura di smettere di amare

Salve.
Sono una ragazza di quasi 27 anni e in tutta la mia vita ho avuto problemi in famiglia. Ho visto soffrire mia madre troppe volte a causa di mio padre e probabilmente il mio carattere instabile e gli errori fatti sono stati causati dal non avere mai serenità. Il mio problema è che fin ora dal punto di vista sentimentale non sono mai stata stabile, come se andassi sempre.in cerca di amore vero. Ho avuto 2 relazioni lunghe ma finite entrambe male perché il mio amore finiva e mi innamoravo di altre persone, così, in un istante. Ora sto con un ragazzo per il quale ho combattuto tanto e vorrei che con lui fosse per sempre, creare qualcosa di serio. La mia storia con lui è arrivata dopo che ho sofferto tanto per una persona fidanzata che ho aspettato per 5 anni, il quale dopo aver saputo che mi piaceva il mio attuale ragazzo ha iniziato a fare lo stalker. Con l attuale stiamo insieme da questo febbraio, ma inizialmente non provavo amore perché ancora credevo di essere innamorata dello "stalker", mentre dopo no, ho iniziato ad essere innamorata e molto gelosa, a volte possessiva. Tuttavia ho molta paura di alcune sensazioni strane, come la paura di non volerlo e mi viene l"ansia, ma mi basta vederlo per stare di nuovo bene. Io ho bisogno di stare bene, di non vivere più queste ansie, di non pensare più che non sono capace di amare davvero e in manieri duratura. Non voglio ne tradire ne perdere il mio amore per lui in un secondo. Soffro anche di crisi di panico e di ansia da qualche anno. Ho bisogno davvero di aiuto e non semplicemente parole che vorrei sentirmi ma una soluzione che possa farmi eliminare il problema, laddove ci sia. La mia storia di problemi è davvero lunga da raccontare e mi sOno limitata ad essere sintetica. La ringrazio in anticipo.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 29/08/2016 - 11:44

Gentile Speranza,
lei ci parla di un passato familiare, di un passato personale e di un presente problematici e ipotizza che il primo abbia avuto un ruolo nell'influire sulla sua vita.
Mi sembrerebbe perciò opportuno, nel caso, elaborare sia il passato familiare che occuparsi di quanto le attiene più personalmente. Solo così potrà presumibilmente risolvere alla radice le sue difficoltà. Particolare attenzione, penso inoltre, dovrebbe porre alle sue storie sentimentali importanti.
Tutto ciò necessita di una terapia psicologica o almeno di consulenze.
cordiali saluti

Dott.ssa Anastasia Zottino Inserita il 29/08/2016 - 07:37

Carissima,
è importante riconoscere che ognuno di noi ha un passato con cui fare dei conti, che nel bene e nel male, in parte, ci fa diventare quello che siamo. E’ segno di grande ascolto e consapevolezza saper cogliere i nessi tra il cammino che abbiamo fatto e ciò che siamo oggi. Allo stesso tempo, però, è importante imparare a curare le nostre ferite, dopo averle riconosciute ed esplorate, per permetterci di vivere nel qui ed ora, senza mettere in atto lo stesso identico copione di sempre. Per fare questo è necessario saper distinguere che la situazione che ci troviamo a vivere oggi, sebbene evochi il nostro passato, è diversa: noi intanto siamo diventati degli adulti, con risorse per rispondere all’esterno ben diverse. Come dico sempre, sarebbe bello avere una formula magica che risolve ogni problema, ma la verità è che i nostri confini li abbattiamo solo se ci facciamo i conti e se lavoriamo su noi stessi. Allo stesso tempo, non possiamo pretendere di costruire un sentimento…l’amore o c’è o non c’è, poi si può lavorare sul modo che abbiamo di viverlo, di comunicarlo a noi stessi ed agli altri, ma non possiamo scegliere che una determinata persona è quella giusta per noi, o meglio, la testa è solo una parte nella costruzione dei sentimenti. Mi sento di dirle che è anche importante riflettere sul fatto che lei stessa deve essere una risorsa per gestire la sua ansia. Non ci sono solo parole, ma qualora lei decidesse di intraprendere un percorso con un professionista, ci saranno tecniche strutturate a sostenere il suo cammino. Credo che sia importante riflettere su quanto i suoi dubbi abbiano a che fare con la persona con cui ora ha una relazione, e quanto, invece, non sia questo il messaggio per se stessa di darsi l’opportunità di lavorare su di sé, affrontando anche i suoi fantasmi, dando uno spazio per esplorare il suo mondo senza la necessità di essere sintetica.
Le invio un caro saluto
Dott.ssa Anastasia Zottino
Psicologa
Aprilia (LT)