Silvia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 11/07/2016

Viterbo

Fidanzato ansioso\depresso

Buonasera, vi scrivo in quanto sto vivendo una situazione difficile con il mio ragazzo. Abbiamo entrambi 28 anni e stiamo insieme da 5, caratteri molto diversi e rapporto altalenante, frequenti I litigi e le incomprensioni ma ci ha tenuto insieme un forte amore. Quello che non ho mai di lui è il suo attaccamento totalizatttotalizzante al lavoro, il non sapersi riposare, il mettermi sempre all'ultimo postO. Lui soffre di ansia, molto insicuro e dubbioso ha la testa sempre in movimento, pessimista cronico. Ora la situazione si è aggravata negli ultimi mesi in quanto ha aperto un'attivita' commerciale e, totalmente preso da questo nuovo impegno, credo si sia esaurito o abbia peggiorato il suo malessere latente. Non mi cercava piu, non aveva piu' tempo x me, ci ho sofferto molto. Vede tutto nero ed è stato logorante x me passare anni vicino ad una persona che vede solo problemi, mai soluzioni. Arrivata al limite di dopo frasi del tipsopportazionefrasi la sua vita non ha senso ecc. L ho lasciato in quanto non voleva farsi aiutare ed io non ne potevo piu'. Questo gli ha dato una , ora che non voglio piu' stare con lui non fa altro che cercarmi dirmi che mi ama domani iniziera' dalla psicologa ma piu' perche' glielo pio che perche' è realmenteproposirealmenteo secondo me. Comunque gli ho chiesto un periodo di pausa perche' sento di non riuscire piu' a stargli vicino, esaurisce le mie forze e non voglio passare una vita cosi . Solo che lui non lo accetta mi fa sentire in colpa e mi ci sento gia' da sola perche' vorrei aiutarlo ma sento che non ho la pazienza la forza ancora..sono esausta!la domanda è: sto facendo bene?O dovrei scomunque vicino ma questo significherebbe tornarciestarglitornarci perche' lui è li che vuole arrivare. Come devo comportarmi? Grazie anticipatamente. Silvia

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anastasia Zottino Inserita il 12/07/2016 - 06:21

Gentile Silvia,
leggendo tra le righe, arriva molto chiaramente la difficoltà che sente in questo momento, il sentimento altalenante che si prova quando si mette fine ad una storia per noi importante, in cui abbiamo sperimentato un forte amore, che ci ha permesso di sentirci uniti ad un altro. Nessuno può dirle se fa bene o fa male, il punto non mi sembra questo, quanto piuttosto riflettere sul cammino che ha fatto fino ad ora. Mi sembra che lei, passo dopo passo, abbia iniziato ad interrogarsi su ciò che desidera in una relazione, su quello di cui ora ha bisogno. Lei, nella sua domanda, utilizza delle frasi che sembrano aver delineato già una scelta “non voglio passare una vita così” oppure “è stato logorante”, “sento di non riuscire più a stargli vicino”. Mi chiedo se quello che muove il suo dubbio ora sia più la voglia di aiutare una persona a cui ha voluto bene, oppure il reale desiderio di rimettersi in cammino insieme al suo compagno. Intravede la possibilità di un nuovo equilibrio per la coppia oppure no? Credo che intanto concentrarsi su se stessa sia un passo che lei ha già iniziato a fare, e che, forse, merita di essere approfondito per fare chiarezza rispetto ai suoi desideri.
Un abbraccio.
Dott.ssa Anastasia Zottino
Psicologa
Aprilia (LT)