valerio domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 14/03/2016

Palermo

Confuso

Salve,
sono un ragazzo di 22 anni, cerco un consiglio che finora nessun altro è riuscito a darmi e convincermi.
Premetto che fino ad ora non sono mai stato con una ragazza (quindi niente "prime volte" ecc.). Nella vita non nego di essere stato fortunato, sicuramente non posso lamentarmi della mia situazione economica (che con i tempi che corrono penso sia un privilegio ormai), un buon rapporto con i genitori e all'università frequento una facoltà che mi interessa e che mi appassiona, con difficoltà, ma riesco a seguire.
In precedenza non ponevo tanto l'attenzione sul fatto di essere da sempre 'single', ma da circa 4 anni (in concomitanza della mia immatricolazione) ho iniziato a sentire questo qualcosa che mi mancava, proprio come un pezzo di puzzle; tra alti e bassi sono riuscito a portare avanti la mia carriera universitaria, ma nonostante le diverse opportunità non sono riuscito a sbloccarmi con nessuna ragazza, ho incontrandoo (vedi che beffa) soltanto illusioni e delusioni. Negli ultimi due anni, infatti, ho ancora cuore e testa del tutto persi per una di queste "delusioni"; il mio rendimento universitario è calato, e nonostante negli ultimi mesi abbia puntato tutto sullo studio anche qui c'è stata l'ennesima delusione (esami dati =0). La mia sensazione è quella di trovarmi in un limbo, un circolo di "problemi" da risolvere senza saper però da dove iniziare dato che uno è dipedente dall'altro...in poche parole: sentimentalmente non sono tranquillo e di conseguenza non ho testa per studiare, viceversa, ho eccessiva ansia di non andare avanti nello studio tanto da non aver piacere (quanto umore) nel relazionarmi, quindi risultando pure paranoico.
Scusate per il discorso complesso, spero di essermi spiegato, capisco che nel mondo i problemi sono ben più gravi, ma relativamente alla mia persona sono questi e purtroppo ho difficoltà nel superarli per andare avanti, sono consapevole che ho pur sempre 22 anni, ma ogni giorno mi sveglio e il mio umore è tale e quale a quello di una persona depressa.
Come posso affrontare una circostanza simile, quando tutti i tentativi fatti fino ad oggi per andare avanti sono risultati un enorme fallimento?
Grazie in anticipo per l'ascolto

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 14/03/2016 - 18:58

Caro Valerio,
ritengo che questa 'mancanza' che lei sente, e queste delusioni che influiscono in modo negativo nel suo percorso di studio, possono essere riconducibili a diverse variabili del suo vissuto personale e relazionale.
Hai mai pensato cosa le provoca l'ansia di cui parla? Riferisce di un "limbo" quasi si sentisse intrappolato e incapace di di trovare una via di uscita. Il suo non è un fallimento Valerio, ma un'esperienza di vita da cui prendere spunto per crescere. La possibilità di cambiare la nostra visione delle cose può fare la differenza.
Le consiglio di effettuare una consulenza psicologica che la aiuterà a far chiarezza.
Resto a disposizione per chiarimenti,
D.ssa Loredana Ragozzino
Tel. 340 7362653