Francesco domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 22/01/2016

Napoli

Timidezza e insicurezza

Salve, sono un ragazzo di 27. Premetto che a breve andrò da uno specialista per essere aiutato. Da quando ero piccolo, sono sempre stato molto timido e insicuro, ciò nonostante ho avuto sempre una discreta vita sociale, e ho fatto diverse esperienze. Di natura fortunatamente sono abbastanza un bel ragazzo, capace in qualsiasi tipo di attività, a partire dallo sport, arte, musica, ma davvero ho dato prova a me stesso, che sotto un aspetto materialistico, sono sopra la media. Poi vengo da una buona famiglia, ho il senso dell'umorismo, mi presto molto nell'aiutare gli altri, insomma dico ste cose per farvi capire che non avrei motivo per essere timido e insicuro come sono. Però devo specificare che se pur la natura mi ha donato queste capacità, non escono completamente fuori in presenza di altre persone. Ad esempio so suonare, ma avanti agli altri rendo a meno del 50 %. Mi è rimasto impresso che quando ero piccino e giocavo a basket sui contropiedi avrei potuto distanziare in un niente l'avversario che mi seguiva, eppure io fingevo di essere più lento per farmi passare, perchè secondo la mia stupidità, se sbagliavo a fare canestro non era così grave. Spesso nell'ambito sessuale avevo tante erezioni fino all'attimo prima che la lei mi facesse capire che davvero lo voleva anche lei, e la mia ansia da prestazione mi ha risposto con l'immediata perdita dell'erezione, quando poi ho dimensioni e durata sopra la media. E tante altre cose che succedono nel quotidiano in qualsiasi ambito. Nell'ultimo periodo mi è capitato di farmi rosso improvvisamente anche con persone che mi hanno sempre fatto sentire a mio agio, forse tutto è partito da una prima volta che negli ultimi mesi sono diventato rosso senza motivo e ora mi capita di aver paura che possa risuccedere che succede sul serio! Questo mi sta provocando non poco disagio perchè mi innervosisco e mi annullo con la persona con la quale è successo, e subito dopo mi isolo per un pò, anche se il giorno dopo reagisco e mi obbligo a riprovarci. Mi rivolgo a voi per qualche piccolo consiglio, anche se so che dovrei stare più rilassato, che è la mia paura che concretizza le mie paure, che non ho motivo di avere queste paure . Cioè fortunatamente io a botta di brutte figure fatte, riesco ad avere tutto nella mia vita, ma solo ed esclusivamente perchè mi obbligo a combattere ciò. Ma ammetto che sono davvero stanco di tutto ciò e vorrei individuare il problema a monte e risolverlo, e non valle ripetendomi "e che ti frega". Posso aggiungervi solo che mio padre pure è molto ma molto timido per suoi problemi di infanzia, e mia madre è ricca di complessi ed eternamente infelice, e litigano spessissimo. Vi scrivo perchè sò che sono al limite e sono appena tornato da casa di una ragazza bellissima, simpatica, solare, profonda, e oggi, appena ci siamo visti mi sono imbarazzato senza motivo e poi sono rimasto il resto del tempo poco scherzoso e voglioso di rimanere solo, insomma le avrò dato un bruttissimo segnale, ieri invece ero più rilassato e la feci divertire. Non posso fare questo, non posso mettere la mia vita in mano a questa mente malata. Vorrei ad esempio che questa ragazza sapesse chi sono realmente, ma sono chiuso dietro questo muro di timidezza e insicurezza che ora come ora nemmeno la persona più profonda riesce a passare. Vi chiedo aiuto ... Comunque andrò sicuro da uno specialista. Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Lepre Inserita il 22/01/2016 - 18:03

Caro Francesco
Sembrerebbe che si stia autosabotando in tutti in modi e a tutti i costi.
Mi chiedo, per chi o per cosa?
Cosa accadrebbe se incominciasse ad avere il successo, che ritiene meritare?
Certamente anche "il successo" ha un suo peso e le sue conseguenze.
Cordialmente
dott.ssa Lepre