Santyppe domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 14/02/2014

Salerno

anoressia sentimentale

Sono una ragazza di quasi 32 anni e nel corso di tutta la mia vita non ho mai avuto una storia d'amore, nemmeno ho mai baciato qualcuno.
Negli anni dell'adolescenza attribuivo questa mia difficoltà di relazione ad un carattere molto schivo ed introverso unito ad una scarsa autostima; col tempo e un po' di autoanalisi sono arrivata ad individuare altre cause più profonde. In fondo io nutro una forte avversione verso l'idea di appartenenza, fisica e mentale, che l'amore comporta; in me ritrovo un mix di eccessivo razionalismo (che mi porta a vedere nell'innamoramento nient'altro che una perdita di autocontrollo) e di eccessivo romanticismo (mi piace pensare che possano esistere l'amore eterno, l'amicizia totalmente disinteressata e le famiglie felici, anche se so che il più delle volte non è così); non nascondo che c'entra anche la paura di soffrire (il "soffrire per amore" a me sembra una contraddizione in termini, un fastidioso ossimoro).
Col tempo ho preso consapevolezza di tutte le barriere (in)consce che riesco a mettere fra me e gli altri, di tutti gli sforzi per tenerli ad una distanza di sicurezza, rizzando gli aculei come un riccio. Avevo e probabilmente ho ancora un vero e proprio talento per rendermi invisibile, direi trasparente.
Non starò a dire che non sento la mancanza di qualcosa e ho la curiosità di sapere come sarebbe innamorarsi o fare l'amore, ma l'idea che bisogna curarsi per ottenere qualcosa di facile accesso ai più proprio non mi va giù, finirei col pensare che potrei riammalarmi di nuovo in qualsiasi momento, mi sentirei anomala comunque.
Tuttavia, mi chiedo se i forti stati d'ansia che a periodi attraversano la mia vita non verrebbero meno se riuscissi a sciogliere i nodi emotivi che mi porto dietro.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Barnaba Inserita il 17/02/2014 - 16:23

Carissima, ho letto attentamente ma non mi è chiaro quando lei scrive "ma l'idea che bisogna curarsi per ottenere qualcosa di facile accesso ai più proprio non mi va giù, finirei col pensare che potrei riammalarmi di nuovo in qualsiasi momento, mi sentirei anomala comunque." Cosa intende?
Le consiglio di rivolgersi ad un terapeuta di persona che possa aiutarla a far maggiore chiarezza in lei.
Saluti

Dott. Michele Matera Inserita il 15/02/2014 - 02:21

Gentile Santyppe, il lei vive forte il dualismo del "vorrei...pero" del "potrei...ma" che non porta ad una conclusione, se non alla rinuncia. Lei ha eretto un muro prima di tutto nei confronti di se stessa, dettato dalla paura di soffrire(sofferenza che non conosce se non per sentito dire), e poi anche nei confronti delle relazioni in generale. Sarei curioso di sapere, come sono i suoi rapporti sociali? questa chiusura di cui parla, è solo nei confronti del sesso maschile?
Il suo post parte con una doppia negazione "non ho mai avuto una storia d'amore, nemmeno ho mai baciato qualcuno" quasi come per mettere le cose in chiaro sin da subito e prendere le distanze, liberarsi di un peso.
Perchè non abbassare la forte razionalita che si impone?
Resto a disposizione

Dott. Michele Matera - Bologna -
Psicologo ad indirizzo Clinico e della Salute
www.michelematera.it
info@michelematera.it