Sandra  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 10/04/2020

Milano

Desiderio di gravidanza e disfunzione erettile

Buongiorno, ho 35 anni e il mio compagno ne ha 34. Conviviamo da quasi 3 anni e stiamo insieme da 10. La nostra storia ha avuto tanti alti e bassi ma nulla è mai stato in grado di separarci. Condividiamo gli stessi valori, vogliamo una famiglia con dei figli e crediamo nel matrimonio. Finora però è sempre toccato a me spingere verso questa direzione. Ho dovuto impazzire per anni per convincerlo a vivere insieme ed ora siamo arenati su tutto il resto. Lui a parole afferma di pensarla esattamente come me, ma quando è il momento di agire, ciò non avviene mai. Circa 8 mesi fa mi ha chiesto di rimandare l'idea del matrimonio "che si può fare in qualsiasi momento" e di concentrarci piuttosto sul cercare un figlio, visto che gli anni passano. Io ho accettato, ma da quel momento non ha mai fatto neppure un tentativo. Anzi, si è presantata una problematica di disfunzione erettile. Ha fatto degli esami del sangue e una visita dall'andrologo che ha prescritto una pillola che lo aiuta nella circolazione ed erezione e ha diagnosticato un varicocele. Sta di fatto che il suo calo del desiderio è ormai lampante, vuole comunque usare il preservativo per l'eiaculazione e finiamo per avere rapporti davvero raramente. Purtroppo io sono sempre più nervosa riguardo all'arogomento e lui si defila dicendo che vuole un figlio e lo vorrebbe solo da me in questa vita, ma che ciò averrà in modo naturale. Il problema è che all'atto pratico da parte sua non c'è mai stato un gesto pratico in questo senso, sebbene io abbia provato a fare lunghi periodi senza stressarlo sul tema. Mi sembra di essere in un vicolo cieco e temo che questo suo eterno temporeggiare alla fine sarà in grado di separarci. Non voglio riunciare all'idea di essere madre perchè lui non trova il coraggio per l'ennesima volta. Cosa mi consiglia? Perchè si comporta così?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Iannone Inserita il 11/04/2020 - 09:55

Milano
|

Gentile Sandra,
Sembrerebbe di primo acchito un conflitto tra due desideri. Il tuo, quello di diventare madre e quello del suo compagno che invece si sottrae, anche attraverso il sintomo sessuale, a tale idea.
Potreste meglio comprendere i motivi di questo suo atteggiamento e, in generale, le dinamiche vostre di coppia, attraverso una psicoterapia di coppia.
Cari saluti
Dr. Giuseppe Iannone
Psicologo Psicoterapeuta e Sessuologo

Dott.ssa Daniela Vinci Inserita il 26/06/2020 - 09:18

Gentile Sandra,
Sebbene sembrerebbe che ci sia qualcosa di organico alla base della distinzione appare possibile un collegamento con i reali desideri del suo compagno. Forse in questo momento volete cose diverse ed è fondamentale che riusciate ad affrontare nuovamente il discorso figli. Se i vostri desideri sono diametralmente opposti dovete trovare un punto di unione altrimenti il rischio di separarvi sarà reale. Pensate ad un percorso di coppia che vi possa aiutare, magari con un terapeuta esperto in sessuologia.
Resto a disposizione,
Dott.ssa Daniela Vinci Psicoterapeuta e Consulente sessuale Arluno (MI)