ciro  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 18/09/2019

Agrigento

Crisi di coppia

la mia situazione è la seguente: mia moglie, dopo 17 anni di matrimonio, sta vivendo un paeriodo particolare della sua vita, tant'è che sia rivolta ad uno psicoterapeuta. Lei non ha più certezze, l'unica cosa che sa è che non prova più niente per me. questa cosa si era già ripetuta 3/4 mesi, ma poi all'improvviso lei si era ripresa, riavvicinata solo che era sorto il problema opposto era diventata affamata di sesso. questa situazione è andata avanti per un paio di settimane, poi un brusco calo del desiderio sessuale, ma tutto sommato il nostro rapporto era comunque buono. mi inizia a parlare di sbalzi ormonali, probabilmente causati dalla pillola anticoncezionale e che si sarebbe recata dal ginecologo. la cosa non si risolve e giorno per giorno il nostro rapporto diventa sempre più freddo al punto che ora viviamo praticamente da separati in casa. le ho proposto la separazione, ma non sa (abbiamo tre figli) se è la cosa giusta e poi dice che la sua psicologa ritiene che forse è ancora presto per questo tipo di decisioni. Nel frattempo, la sua freddezza nei miei confronti e la situazione in generale mi stanno creando non pochi problemi. E' possibile che la psicoterapia a cui si sta sottoponendo possa risvegliare in lei un sentimento che pare essere svanito da anni? Dovrei aspettare ancora mesi e mesi prima di andar via e chiudere definitivamente il rapporto o mi conviene troncare (per salvaguardare il mio stato di salute) prima possibile?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 18/09/2019 - 19:51

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Ciro,
Da ciò che narra mi pare di capire che sua moglie alterni fasi dell'umore opposte ("affamata di sesso" e "brusco calo del desiderio sessuale"), rispetto a cui lei percepisce di avere scarsa possibilità di azione, come se sua moglie fosse l'unica a poter decidere cosa fare nella vostra coppia.
Le soluzioni che prefigura lei (attesa della decisione di sua moglie o fuga da lei) mi sembrano entrambe controproducenti per il suo benessere psicofisico, poiché in entrambi i casi lei si troverebbe a subire una condizione in cui avrà aver deciso solo sua moglie.
Più utile per lei e per la vostra coppia può essere, invece, provare a confrontarsi con sua moglie e arrivare ad una decisione comune sulla vostra coppia.
Se sente che sia difficile per voi avviare questo confronto, può valutare la possibilità di richiedere una consulenza di coppia che vi supporti nella risoluzione di questo momento di crisi.
Consideri, infatti, che i momenti di crisi possono costituire per la coppia una preziosa occasione di confronto, utile a negoziare un equilibrio relazionale diverso, più funzionale alle esigenze dei singoli partner.
Le auguro, in ogni caso, di risolvere la sua situazione.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).