ilariac88 domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 11/04/2015

Caserta

aiutatemi a capire

Salve sono una ragazza di 27anni.sono stata con un ragazzo x tre anni e mezzo.e sempre stato un ragazzo lunatico instabile e stato dalla psicologa prima che ci conoscessimo x ansia e attacchi di panico e DP che scopri che il padre giocava e stavano xdendo tutto.dall'inizio della relazione mi disse che aveva un carattere particolare. Ma ci innamorammo perdutamente. A luglio scorso mi lascia dicendo che doveva imparare ad amare se stesso che se gli fossi stata lontana avrei vissuto meglio,che ora il suo unico obiettivo era il riscatto sociale che aveva tempesta nella testa. Non sapeva più chi fosse. Che in certi valori come la famiglia non riusciva più a crederci xke causa dei suoi mali. Che un eventuale figlio l'avrebbe fatto solo soffrire. Ad ottobre torna da me dicendo che ero la sua unica luce.ma lui sempre triste depresso quasi. E due swttiamne fa mi lascia di nuovo con gli stessi motivi di luglio!!! Sono disperata non so più cosa pensare. Aitatemi a capire...grazie per l'attenzione.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 21/04/2015 - 09:49

San Giuseppe Vesuviano
|

Gentile Ilaria,

piuttosto che cercare di capire lui, le sarebbe più utile concentrarsi su di sè per conoscere i motivi che la tengono ancora legata ad una persona che, finora, le ha "promesso" solo dolore e sofferenza.

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo
Psicologa clinica e Psicoterapeuta
Napoli - Pompei - San Giuseppe Vesuviano
http://www.psicodialogando.com/

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 16/04/2015 - 18:20

Viterbo
|

Gentile Ilaria,

la situazione è alquanto complessa e non può essere risolta on-line. Se questo ragazzo ha dei disagi è chiaro che la relazione ne risente, dovrebbe quindi tornare in terapia per curare i suoi disturbi, per poi imparare a gestire le relazioni affettive. Cosa intende per DP?
Se lei sente di dipendere troppo da questo ragazzo, tanto da mettersi in una posizione passiva rispetto a lui, sarebbe il caso di contattare un Collega di persona.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta
www.psicologoaviterbo.it