Giada  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 12/01/2019

Bergamo

Lo amo ma non c'è una forte intensità sessuale

Salve,
Ho 27 anni e da 3 anni ho una relazione col mio lui. La nostra storia è sempre stata caratterizzata da sentimenti di stima, condivisione e supporto, e certamente la nostra relazione mi ha sempre dato molta stabilità e sicurezza. Il problema si presenta a livello sessuale. Pur essendo fisicamente attratta da lui e pur facendo sesso, non sono completamente soddisfatta della nostra intimità. Il sesso non è mai stato molto coinvolgente, sopratutto se paragonato a precedenti esperienze, ed ora sono svariati mesi che avverto un importante calo del desiderio.
Riconduco questo disagio sia a fattori esterni (viviamo all'estero e la situazione lavorativa è complessa), ma anche alla personalità del mio lui che per quanto attraente, con il suo carattere calmo, contenuto e introverso non ha mai scatenato in me un "incontrollabile" desiderio sessuale.
Nelle mie precedenti frequentazioni ho notato che il sesso è sempre stato piu passionale con uomini che non mi trasmettevano alcuna sicurezza, che al contrario del mio attuale lui erano arroganti, noncuranti, ma sessualmente piu vogliosi. Più erano istintivi e primitivi più mi sentivo attratta. Tuttavia per questi uomini non ho mai nutrito sentimenti di rispetto e fiducia e si sono sempre rivelati rapporti malsani che non intendo ripetere.
Mi ritrovo a fare i conti con esigenze sessuali che sembrano non combaciare con uomini che stimo e con i quali vorrei costruire un rapporto stabile. A cosa è dovuta questa dualità?
Come posso risolvere questa discrepanza tra trasporto sessuale e desiderio di coppia?
Grazie mille

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 12/01/2019 - 22:53

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Giada,
dal suo racconto noto come abbia avuto modo di associare "trasporto sessuale" e percezione emotiva del partner ("carattere calmo, contenuto e introverso"), caratteristiche che sembrano riconducibili ad un concetto di "stabilità" che però può esitare nella noia e nel disinteresse ("importante calo del desiderio").
Quindi, forse il significato che attribuisce lei alla condizione di "stabilità e sicurezza" , comprende anche quello di insoddisfazione sessuale, mancanza di piacere qualora il partner non sia "arrogante".
Questa dinamica conflittuale sembra affondare le sue radici nei significati che lei attribuisce al piacere, associato solo "all'istinto primitivo" e alla "sicurezza", che invece rimanda ad una condizione di "stabilità"-noia.
Come mai secondo lei il piacere si può trovare solo in "rapporti malsani", quasi come se fosse una condizione fugace, proibita, che non si può "ripetere", quindi anche fonte di sofferenza.
Una consulenza psicologica individuale può essere utile per ampliare la conoscenza di se stessa e di queste dinamiche, allo scopo di affrontare al meglio sia il rapporto con se stessa che con il partner.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).