Diego domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 31/07/2017

Pavia

Psicologia contemporanea

Buongiorno, vorrei togliermi un dubbio sui metodi della psicologia contemporanea, da freud a psichiatri più recenti. Ho letto che ci sono un diversi metodi per curare la nevrosi di un paziente. Ci sono psichiatri che mettono in discussione certi metodi usati da Freud fino a Adler.
Ho letto qualcosa di Hillman che stravolge completamente le radici della psicoanalisi per esempio, su come Adler analizza un metodo di pittura di un artista (Jackson Pollock) paragonandola a una sentimento infantile di inferiorità.
Mi chiedo se la psicoanalisi è veramente la strada giusta da percorrere.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Flavia Passoni Inserita il 21/08/2017 - 18:06

Gentile Diego la psicanalisi con tutti i suoi esponenti resta sicuramente un caposaldo della psicologia anche contemporanea, tuttavia per la cura dei i disturbi considerati a base ansiosa ( non si usa più nemmeno il termine “nevrosi “se non per distinguere i disturbi da quelli dell'area psicotica) risultano attualmente molto più efficaci ( anche sulla base di studi scientifici evidence based) psicoterapie brevi focus oriented: rientrano in questo filone moltissimi approcci dalla psicoterapia cognitivo comportamentale a quella breve strategica a quella ipnotico ericksoniana, oltre ad una serie di tecniche specifiche che vanno comunque utilizzate da psicoterapeuti professionisti all'interno di una specifica cornice terapeutica, quali ad esempio l'emdr per la desensibilizzazione da esperienze traumatiche. In internet potrai trovare una vasta letteratura di tutti questi approcci, ma il consiglio migliore è quello di un confronto diretto con un professionista dell’ambito.
Dott.ssa Passoni Flavia,
Centro Synesis Psicologia, Carnate (MB), Arcore (MB), Cagliari (CA).

Dott. Diego Tosi Inserita il 01/08/2017 - 16:12

Buongiorno,

la sua domanda richiederebbe molto tempo, ma proverò comunque a darle una risposta esaustiva. La scuola freudiana è stata una delle prime ed è nata in un contesto storico sociale di un certo tipo e, chiaramente il suo pensiero risente per certi aspetti del "passare del tempo", nonostante certe intuizioni siano ad oggi ancora valide e attuali. Molti autori hanno scritto di pscioterapia facendo riferimento ai suoi scritti, talvolta confermando le sue idee, altre volte proponendo nuovi metodi e teorie.
Possiamo dire, semplificando molto e spero che non me ne vogliano i miei colleghi, che ad oggi possiamo trovare 3 principali stili di psicoterapia:
1) la psicanalisi: che ha avuto origine dal pensiero di Freud, ma che si è comuenque evoluta nel tempo grazie a moltissimi autori di garnde spessore
2) le scuole cognitive comportamentali
3) Le scuole umanistiche: le più recenti che nascono in contrapposizione a psicanalisi e comportamentismo e che si basano principalmente su 3 basi filosofiche: la fenomenologia di Husserl, il pragmatismo di James e l'esistenzialismo.

Nessuna ricerca è riuscita chiaramente a dimostrare che un tipo di psicoterapia funziona più di un altro. Tutte le terapie hanno la stessa efficacia. Credo che se lei voglia iniziare un percorso terapeutico, la cosa principale sia quella di trovare per lei il professionista adatto con il quale sente una maggior fiducia.

Le facio il mio in bocca al lupo

Cordiali saluti