Vegard domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 18/11/2015

Verona

Non ho il coraggio di lasciare l'Università

Salve, sono un ragazzo di 22 anni. Al momento sto frequentando il secondo anno di Università, prima del corso attuale ho frequentato per poco tempo un corso diverso in una'altra città, non mi sono ambientato perché stare lontano da casa non mi piaceva, avrei dovuto sospendere l'attività sportiva che amo tanto fare e altre cose, ma non è questo il problema. Ho cambiato e ora studio nella città in cui abito.
Il corso di laurea a cui sono iscritto non mi piace molto, non mi piace neanche la "vita universitaria" e non riesco a vedermi laureato.
In questo anno e poco più sto facendo molta fatica a studiare, continuo a ripetermi che devo farlo, ma appena apro il libro perdo completamente la voglia.
Non penso di avere problemi di fiducia in me stesso o dover fare percorsi di crescita personale, probabilmente l'Università non fa per me, nonostante avessi ottimi voti alle superiori.
A questo punto mi verrebbe da lasciare gli studi, il problema è che non ho la minima idea di cosa fare dopo, ho il diploma di geometra ma quella professione non mi piace. Ho letto che in questi casi bisognerebbe provare a ripartire dalle proprie passioni, ma dalle mie è impossibile trarre un lavoro.
Come se non bastasse sono i miei genitori a pagare le rate universitarie, e questa situazione mi pesa, essere in un "limbo". con la carriera universitaria che stenta ad andare avanti e i miei genitori che finanziano i miei studi, molto probabilmente a vuoto.
Non riuscirei proprio a dirgli " Ho deciso di lasciare l'università, ma ora non so cosa fare "

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Cristina Tommasi Inserita il 18/11/2015 - 13:59

Salve Vegard,
non si deve sentire in colpa se in questi anni si è reso conto che il mondo universitario non fa per lei. La cosa importante però è essere sinceri con se stessi e con i suoi genitori, senza aver paura di deluderli. Deve tener presente che i suoi genitori potrebbero apparirle delusi, ma non si deve intimorire poichè in cuor loro per lei sicuramente vorrebbero il meglio...e non per forza il meglio è la laurea. Se lei è convinto di lasciare il mondo universitario e si dimostra ben motivato, sicuramente sarà in grado di trasmettere il suo pensiero ai suoi genitori.

Resto comunque a disposizione.

Cordiali Saluti.

Dott.ssa Cristina Tommasi