Marina  domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 06/07/2018

Mia figlia di 2 anni ha comportamenti strani dopo averle tolto il ciuccio

Salve, mi chiamo Marina e sono mamma di una bimba di 2 anni quasi 3. Recentemente le ho tolto il ciuccio siccome non faceva altro che buttarlo in strada o romperlo, da allora mia figlia è cambiata. era una bimba tranquillissima e ubbidiente, è diventata disubbidiente, capricciosa, lancia le cose in aria e prende a schiaffi tutti... distrugge le cose ed è arrivata anche a sputare l'acqua addosso, non ascolta più...fa sempre di testa sua,come devo comportarmi? le spiego il perchè di tante cose, un giorno si comporta bene e il giorno dopo è punto e da capo... non so più cosa fare con lei,in più sono in attesta di un altro bebè e la situazione diventa complicata con questi suoi atteggiamenti spesso mascolini...in più non mangia quasi più nulla s enon pasta e patate e pasta con il sugo

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 06/07/2018 - 17:21

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Bree Riri,
il comportamento di sua figlia può dipendere sia dall'assenza del ciuccio che ha un effetto calmante per i bambini, che dalla sua condizione di gravidanza.
Infatti, considerando che sua figlia ha quasi 3 anni, è in grado di intuire, seppur ad un livello parziale ed incompleto, che sta cambiando qualcosa sintonizzandosi con la sua nuova condizione di gravidanza.
Anche se magari non ha esplicitato chiaramente la cosa, la bambina ha sicuramente percepito che succederà qualcosa.
Quindi, è opportuno che questa novità sia manifestata con chiarezza rendendo la bambina partecipe della sua condizione di gravidanza, parlando della sorellina/fratellino che nascerà, coinvolgendola in attività (scegliere abitini o giochi per il nuovo nato, chiedere un parere sul nome da attribuire), sottilineando soprattutto che, nonostante il nuovo nato, la mamma sarà sempre accanto a lei e le vorrà sempre bene.
E' normale e del tutto fisiologico che i primogeniti sperimentino un sentimento di gelosia/competizione con il nuovo arrivato, perchè viene messa in discussione la centralità della loro relazione con le figure di attaccamento. Ma si può sostenere il bambino in questo delicato processo di adattamento, enfatizzando gli aspetti positivi (un bambino con cui giocare ecc.) e ribadendo che la bambina sarà sempre importante per i genitori.
Un caro saluto
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)