ponkey95 domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 13/06/2015

Padova

Dieta

Buongiorno,
sono una ragazza di 19 anni quasi 20. Sono una ragazza normopeso da sempre, senza mai aver avuto problemi di obesità nella mia vita. Tuttavia soffro di una malattia, l'ipotiroidismo, che porta tendenzialmente a un ingrassamento graduale del mio corpo; nonostante io stia curando la malattia da anni, si vede che il mio corpo tende ad ingrassare,anche se da ormai un paio di anni il mio peso è stazionario sempre all'interno della fascia normopeso, così come mi disse la dietologa che mi visitò tempo fa.
Questo problema della mia malattia ha da sempre preoccupato mia madre che fin da quando avevo 12 anni controlla il mio peso periodicamente e controlla il cibo che mangio, impedendomi di mangiare ciò che vorrei io, e giudicandomi nel caso in cui io non rispettassi le sue decisioni. Ora che ho vent'anni e sono adulta la situazione permane, senza accennare a tutte quelle volte che mi sono sentita chiamare grassa obesa e cicciona, con le braccia e il sedere grosso e il doppio mento nonstante io sia perfettamente in forma. Vengo impedita di mangiare quello che vorrei, e ogni volta che mi oppongo al controllo settimanale del peso vengo sgridata e si litiga. Come devo agire?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Annalisa Sammaciccio Inserita il 22/06/2015 - 08:36

Carissima,
sei oramai diventata una donna, sei una persona adulta e sei perfettamente in grado di occuparti responsabilmente della tua salute e della tua dieta. Questo è il messaggio che adesso bisogna che tu passi alla tua mamma, con le parole, con i comportamenti responsabili verso te stessa, coi controlli medici di cui occuparti direttamente. Sarà un momento di stacco e di venir meno di un "controllo" da parte di tua mamma su di te, forse specchio di una vostra modalità di rapporto, ma sarà questo per te un momento di crescita e, per tua madre, il momento di dover accettare che sua figlia è grande e che sta acquisendo autonomia da lei stessa. Un cordiale saluto,
dott.ssa Annalisa Sammaciccio psicologa e psicoterapeuta a Padova
www.annalisasammaciccio.com

Dott.ssa Francesca Fontanella Inserita il 19/06/2015 - 13:40

Cara Ponkey95, quello che ci scrivi fa pensare che tua madre sia moolto preoccupata per la tua salute, al punto da rendere eccessive le sue cure e le sue precauzioni.
Parlare chiaramente, spiegandole il tuo punto di vista da donna adulta. Tua madre si sente mlto responsabile e desidera controllare che tutto proceda al meglio ma ora potrai comunicarle che sei pronta ad assumerti le tue responsabilità.

E' molto probabile che non accetterà di buon grado il cambiamento, ma tu terrai duro.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella