zia patty domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 20/04/2015

Benevento

una zia ... mamma

Salve, sono la zia materna di tre fratellini,9 anni e mezzo, 7 anni e mezzo e 6 anni e mezzo.
Questi bambini mi sono stati dati in affido familiare dopo l'intervento dei servizi sociali nel 2013
Purtroppo ne il papà ne la mamma hanno seguito i percorsi che avrebbero dovuto ne tantomeno hanno addrizzato il tiro e alla luce di tutto ciò non hanno alcun tipo di rapporto ne con la mamma ne con il papà.
A seguito di accadimenti (dei genitori) di vario genere a cui i bambini hanno assistito, ora vogliono chiamarmi mamma
Ho spiegato a tutti e tre che io sono zia e non mamma anche se posso volergli bene ed accudirli nello stesso modo, non è importante come mi chiamo ma cosa sono e faccio
Non c'è nulla da fare non ascoltano ragioni.... ho proposto allora alla grande di trovare un nomignolo che sia tutto nostro, è uscito un MAZIA ma non è molto daccordo ha detto che lei è testarda e che ha deciso così io sono la sua mamma e prima o poi capitolerò.
Cosa e come posso fare per aiutarli e non creare ulteriori danni?
Grazie

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 09/05/2015 - 09:15

Gentile Patty,

le attenzioni e l'affetto che profonde verso i suoi nipoti emergono con chiarezza dal suo racconto. Ha ben intuito che, malgrado la difficile situazione e il bisogno di "normalità" dei suoi nipoti, è importante mantenere una distinzione di ruoli che c'è e che non può essere annullata.
In ogni caso, potrebbe esserle di aiuto rivolgersi ad uno psicoterapeuta della sua città per una consulenza.

Resto a disposizione
Dr.ssa Valentina Nappo
Psicoterapia individuale, di coppia, familiare

NAPOLI
via Epomeo, Napoli
via Roma, Pompei
via Scopari, San Giuseppe Vesuviano

BARI
via Principe Amedeo, Bari
www.psicodialogando.com/

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 27/04/2015 - 19:28

Cara Patty,
prima di tutto mi sento di complimentarmi con lei per come ha affrontato e sta affrontando questa difficile situazione.
Il sol fatto di essere qui a chiederci un consiglio mi fa pensare a lei come ad una persona estremamente premurosa e generosa e ad una zia che forse è davvero un po' mamma.
Vista la complessità e la delicatezza della situazione ( che comunque non possiamo conoscere a fondo) mi sento di consigliarle di porre questa domanda ad uno psicoterapeuta dell'età evolutiva della sua città che potrà sicuramente aiutare lei e i piccoli a districarsi in questa situazione.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com
https://www.facebook.com/dottoressavalentinamossa