charlie domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 18/01/2015

Caserta

Perché mi sembra tutto così difficile?

Salve sono una ragazza di 19 anni... ho già fatto terapia da uno psicologo quando avevo 10 anni perché soffrivo di attacchi d panico e sono andato anche da uno psichiatra e con il tempo sono riuscita a gestirli. Sono molto timida e per me è un grande problema riesco a parlare con gli altri però trovo sempre tanTa difficoltà perché nn so mai che dire. Inoltre non credo per nulla in me stessa e mi butto sempre giù non mi piaccio esteriormente anche se mi dicono che sono una bella ragazza ma io nn ci vedo proprio niente d bello, non mi reputo una persona intelligente o con un bel carattere. Ora sto facendo l' ultimo anno d liceo e sto avendo delle difficoltà perché non riesco a studiare mi siedo alla scrivania e niente fisso il libro e dopo un po mi scoraggio e vado a fare altro. Da poco mi sono iscritta con le mie amiche in palestra pensando che mi avrebbe aiutato invece ora me ne sono pentita perché temo di non riuscire a conciliare lo sport con lo studio anche se volendo ci potrei benissimo riuscire solo che passo le giornate a letto guardando il telefonino o a dormire eppure vorrei fare tante cose ma mi manca la voglia e la determinazione... sono demotivata non ho voglia di fare nulla, passerei le mie giornate a letto! I miei genitori mi hanno regalato la macchina ma io penso di non meritarla perché non sono buona a fare nulla! Inoltre mi guardo sempre allo specchio perché come ho già detto sono molto insoddisfatta del mio aspetto esteriore oltre che del mio carattere... per me sta diventando impossibile vivere ogni giorno mi alzo sconteta di me anche se nn mi manca niente ma non ce la faccio proprio a essere felice.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 25/01/2015 - 13:11

Cara Charlie,
dalle tue parole traspare tutta la frustrazione e la tristezza che possono accompagnare le sensazioni di inadeguatezza, inferiorità e mancanza di risorse, e forse anche perdita di speranza e arrendevolezza.
Solitamente i percorsi psicologici per bambini e giovanissimi ragazzi sono diversi da quelli per adulti. Negli anni dell'adolescenza di forma la nostra personalità e il nostro carattere, e prima di allora è difficile intervenire in qualche modo su di essi, mentre ci si focalizza più sulla gestione di un'emozione o eliminazione di un sintomo. Essendo ancora una giovanissima ragazza, con una vita davanti e tante occasioni per crearti una tua serenità, ti consiglierei di contattare un/a nuovo terapeuta (probabilmente chi ti ha seguito anni fa era specializzato in età evolutiva e potrebbe non essere adatto al momento attuale) per poter apprendere da cosa deriva questa scarsa stima di te, come poterla superare e come affrontare le nuove sfide di vita che ti si propongono (come quella dell'ultimo anno di liceo).
A disposizione per ulteriori informazioni,
un caro saluto,
Dott.ssa Chiara Francesconi