Andrea domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 29/04/2016

Roma

Recupero post-psicofarmaci

Salve, mi servirebbe un consiglio, racconto in breve la mia situazione: Inizia tutto con una brutta depressione, quando la terapia non è più bastata ho dovuto iniziare con i farmaci!
- A Marzo 2014 inizio lo zoloft, tra alti e bassi, arriva un basso che mi porta ad aumentare da 0.5 a 2 compresse, ad Agosto 2015 interrompo gradualmente perché non reggo più l esagerato ottundimento! In tutto il percorso per assurdo son stato meglio quando scalavo!
- A Marzo 2015 contemporaneamente allo zoloft inizio con il Minias, 5 gocce! Il periodo che ho scalato lo zoloft son diventato dipendente dal minias, arrivando a prendere anche 40 gocce per notte, fino ad Ottobre 2015 dove sospendo gradualmente il Minias!
Tolti i farmaci rimango sconvolto, non riuscivo a riappropriarmi della mia mente ne serena ne depressa! Ho aspettato che lo stordimento passasse, ma non passava!
Ad oggi, dopo otto mesi, mi ritrovo sempre più stordito, HO GROSSI PROBLEMI DI CONCENTRAZIONE, MEMORIA, COMPRENSIONE, LINGUAGGIO, RAGIONAMENTO, PENSIERO. Mi sento "sconciato da essere umano". Non so più a chi mi devo rivolgere, o come procedere. C'è un modo per recuperare ai danni dei farmaci?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 30/04/2016 - 12:36

Viterbo
|

Gentile Andrea,

le domande sui farmaci andrebbero girate a professionisti specializzati in psichiatria, perché lo psicologo non essendo medico non si può occupare di psicofarmacologia.
A di là di questo non dovrebbe a mio parere preoccuparsi dei "danni da farmaci", ma dovrebbe iniziare a focalizzarsi su un trattamento integrato di psicoterapia (psicologo-psicoterapeuta) e psicofarmaci (psichiatra).

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica
Consulente per il Tribunale di Viterbo