domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 29/04/2016

Palermo

Ritrovare me stessa... ne ho bisogno

Buonasera,
Ho bisogno di ritrovare me stessa adesso ke ho toccato il fondo,ma nn so proprio come fare . 3 anni fa ho perso mio padre dopo una malattia durata 6 mesi. La cosa peggiore è ke ero fuori città il giorno in cui lui se ne andato ed oggi vivo cm il rimorso di nn averlo salutato. Vivo cn il rimorso di nn essere stata presente quella sera e cm se nn bastasse mi manca immensamente. Da quel giorno la parte migliore di me è andata persa.
Ero fidanzata già da 3 anni ma da quel giorno io sn andata precipitando ogni giorno di più fino a quando nell'orlo della depressione ho capito ke la mia ragione di vita era il mio ragazzo ke cercava d aiutarmi. Ma m aggrappavo a lui gravandolo dei miei dolori e cominciavo ad essere pesante. Ero sempre più insicura e nn m m sentivo abbastanza x lui, nn volevo che uscisse e ke vedesse altra gente volevo legarlo a me sino al punto ke oggi lui m ha lasciata xkè si sente infelice...anche a causa mia. Sei anni buttati al vento... nn posso permetterlo ma prima di ogni cosa...vorrei star bene io. Aiutatemi x favore

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Laura De Martino Inserita il 30/04/2016 - 11:06

Napoli
|

Cara M.
il lavoro più duro è accettare ciò che è stato, ciò che non può più essere cambiato, potersi dire "è andata così". E' però altrettanto duro, ma fondamentale potersi prendere la responsabilità di ciò che ancora può essere cambiato e fatto...della propria vita. "Da quel giorno la parte migliore di me è andata persa" come può essere accaduto? Perchè ha scelto di farla andare via? e come può fare per farla tornare? questa è una sua responsabilità, è quello che può ancora essere cambiato! decidere di prendersi quella parte significa forse decidere di riprendersi papà vivo. Piuttosto che restare ancorata a quel singolo momento, quello della sua morte, può scegliere di restare legata alla vita di papà? e raccogliere così tutta l'eredità (i valori, gli atteggiamenti, le emozioni) che le ha regalato crescendola?

Questi sono ovviamente solo degli spunti di riflessione e di lavoro. A volte elaborare un dolore come la perdita di un genitore può richiedere tempo...tempo per entrare in contatto con la rabbia, il dolore, la paura e tutte le emozioni che possono collegarsi ad un simile evento, è per questo che se ci si sente in difficoltà può essere utile chiedere un sostegno psicologico per poter attraversare tali emozioni ed elaborare.

Un caro saluto,
Dr.ssa Laura De Martino
Psicologa Psicoterapeuta
Napoli