Alex domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 31/03/2016

Ferie distrutte

Salve, da anni soffro di ansia e rari attacchi di panico, ieri sono arrivato in Sicilia per fare una settimana di ferie (vivo in Svizzera) già prima di partire ho dovuto prendere un tranquillante, ho dormito la bellezza di 15 ore, stamattina mi sono svegliato, e come sempre.. Ansia, per cosa non lo so, nausea, dolori muscolari, irritabilità, paura e angoscia
Sono ipocondriaco questo è sicuro
Esiste un modo per potermi godere queste ferie?
Da premettere che fino ieri prima di partire stavo bene
Ora non capisco perché questo cambiamento

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Laura De Martino Inserita il 31/03/2016 - 09:23

Napoli
|

Salve Alex, purtroppo non esiste un modo rapido se non cure palliative con tranquillanti. Le suggerisco ad ogni modo di prendersi cura di sé in modo più approfondito senza il bisogno che siano i sintomi a doverglielo richiedere con urgenza, questo sarà sicuramente il primo passo per sottrarre loro potere. Una psicoterapia individuale potrà essere utile.

Un caro saluto,
Dr.ssa Laura De Martino
Psicologa, Psicoterapeuta

Dott.ssa Katjuscia Manganiello Inserita il 01/04/2016 - 15:14

Gentile Alex,
prendersi delle ferie significa interrompere la routine di impegni che riempono la giornata (e probabilmente nascondono il suo malessere) ritrovandosi con del tempo libero, tempo vuoto dove il disagio accantonato per motivi di lavoro emerge con forza.
Riposare e godere delle proprie vacanze è possibile quando si è sereni mentre se esistono problematiche o disagi sotterranei questi si fanno sentire in modo prepotente appena abbassiamo le nostre difese.
E' un segnale che ci sono conti in sospeso che al rientro dalle vacanze non deve dimenticare ma cogliere l'occasione per prendersene cura, per esempio iniziando un percorso psicoterapeutico.

La psicoterapia potrebbe aiutarla a riconoscere il suo malessere e a imparare ad ascoltarlo per stare meglio.
Saluti, dr Katjuscia Manganiello