Giulia domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 11/03/2016

L'Aquila

Depressione in gravidanza

salve ho 34 anni anni sono incinta ma on riesco a essere felice..ho attacchi continui di ansia e depressione...non riesco a vedere niente che mi faccia stare serena. Che fare?

  4 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 11/03/2016 - 19:54

Viterbo
|

Gentile Giulia,

la cosa più semplice da fare è quella di contattare un Collega di persona per una valutazione, meglio se specializzato in psicoterapia.

Dott.ssa Elena De Franceschi Inserita il 12/03/2016 - 09:18

Buongiorno Giulia,
la gravidanza è un periodo molto importante per la mamma e per il bambino, per questo è fondamentale che lei possa viverlo nel modo più sereno possibile. Credo che valga la pena prendersi cura di sé in questo momento, senza trascurarlo, perché se vissuta bene la gravidanza permette di creare un legame davvero speciale con il bebé quando sarà nato, le garantisce anche un parto più facile.. Le emozioni sono fondamentali in questa fase, se ne prenda cura :-).
Essere mamma comincia prima della nascita, si inizia a esserlo dal momento del concepimento e il consiglio migliore che le posso dare è di assicurarsi di occuparsi di sé per essere una mamma migliore e responsabile.
Se lo desidera mi può contattare via mail o telefono e possiamo valutare l'opportunità di un aiuto, anche a distanza se è lontana...
Sul mio sito trova tutti i contatti utili www.psicoaosta.com.
Non lasci perdere, è troppo importante.
La saluto cordialmente e le rivolgo i migliori auguri!
Dr.Elena De Franceschi

Dott.ssa Patrizia Niddomi Inserita il 12/03/2016 - 10:19

Buongiorno Giulia
Ciò che scrive mi genera una grande tenerezza e tante domande ma visto che gli elementi che condivide sono veramente pochi per capire davvero cosa le sta accadendo, Le risponderò qualcosa che, nella mia esperienza, di solito le donne in gravidanza non si sentono dire spesso....
A 34 anni noi donne abbiamo un rapporto ben strutturato con il nostro corpo e i nostri ritmi di vita e, per quanto si possa desiderare un figlio, abbiamo "la consapevolezza" di quanto stravolgerà la nostra vita, il rapporto con noi stesse, la relazione con il partner, il nostro mondo sociale e lavorativo. E questo sicuramente può generare ansia e sentimenti depressivi per ciò che perderemo.
Ciò di cui non possiamo avere consapevolezza però è quello che accadrà non appena stringeremo sul cuore la creatura che adesso portiamo in grembo
Dal mio osservatorio posso dirle che sono molte più di quanto si pensi le donne che si terrorizzano a contatto con la prospettiva di avere un figlio, anche solo perché sono cambiate rapidamente le generazioni (basti pensare che nel nostro paese le donne neanche votavano fino a qualche decennio fa) ma stentiamo ancora a trovare nuovi modelli valoriali femminili che ci spieghino e giustifichino le nuove modalità di relazione con noi stesse e col mondo che ci circonda.

Non so se queste sensazioni di ansia, depressione e preoccupazione erano presenti prima della gravidanza e non so come si colora il suo mondo di relazioni ma so che in un momento così delicato è assolutamente necessario che Lei non si senta sola.
Le consiglio di condividere ciò che sta vivendo, magari insieme ad una brava ostetrica che possa accoglierLa e seguirLa nel percorso che porterà alla nascita di suo figlio; c'è tutto un orientalento ostetrico che ritiene che questa figura professionale non sia importante solo nel momento della nascita ma anche nella "preparazione" della donna ad accogliere e impostare la nuova vita che nascerà insieme al suo bambino.
Inoltre, se queste sensazioni erano presenti anche prima della gravidanza, le consiglio di rivolgersi ad una psicoterapeuta che saprà sostenerla e orientarla in questo suo percorso di rinascita
Per qualunque dubbio o bisogno di approfondimento non si periti a contattarmi
Un caro saluto
Dr.ssa Patrizia Niddomi -Psicologa Psicoterapeuta- Firenze

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 11/03/2016 - 20:43

Salve Giulia,
questi sintomi li aveva anche prima della gravidanza oppure no?
Prima di tutto le consiglio di parlare di questi problemi con il medico ginecologo che la segue per la gravidanza. Sono certa che la saprà indirizzare verso un professionista che la aiuti in questo periodo di malessere.
Un caro saluto.
D.ssa Loredana Ragozzino